Corona di panini al latte e panini di farina integrale

“Buono come il pane!” Sì, mai proverbio fu più azzeccato di questo! Il pane è uno degli alimenti alla base della nostra dieta, uno fra i più antichi, fra i più genuini e fra i più apprezzati! Insomma, volete mettere una bella fetta di pane, ancora tiepido, dalla mollica morbida, leggera ed alveolata e dalla crosta dorata e fragrante, cosparsa da una generosa cucchiaiata di marmellata di albicocche? Non ne vorreste proprio una sotto il naso adesso; insomma non vi si è già attivata la salivazione?

Poche cose non mi stanco mai di fare e fra queste c’è proprio il pane! Unire la farina, l’acqua ed il lievito, accarezzare quella massa informe e appiccicosa che poco a poco si trasforma in un impasto elastico e consistente, percepire la porosità del legno del piano di lavoro sottostante, assistere alla magia della lievitazione ed infine lasciarsi pervadere da quell’odore pungente di alcool, prodotto dalla fermentazione. Non c’è dubbio che per me questa attività sia un potentissimo antistress. Altrimenti non mi prenderei la briga di fare tutto a mano e trasferirei tranquillamente gli ingredienti nell’impastatrice. E poi la soddisfazione di addentare un pezzo di pane fatto con le proprie manine dà una soddisfazione incredibile, ve lo garantisco!

Questo in particolare, è un pane che ho fatto e rifatto e che è sempre piaciuto moltissimo! Metà integrale e metà al latte per accontentare proprio tutti! Così morbido che i panini si staccano semplicemente con le mani. Può essere mangiato così al naturale oppure farcito con qualsivoglia farcitura, sia dolce che salata. Relativamente veloce da realizzare, con tempi di attesa non troppo dilatati, il che lo rende la soluzione ideale anche per chi si vuole cimentare con la preparazione del pane ma magari ha poca dimestichezza con i lievitati. Un pane che vale la pena provare insomma! 

 

 

Per l’impasto integrale:

175 g farina integrale

75 g farina manitoba

1 g lievito di birra secco

1 cucchiaino di sale

1 e 1/2 cucchiaino di zucchero o miele

150 ml acqua tiepida

25 g burro morbido o 20 g olio extra vergine di oliva

Per l’impasto al latte:

100 g farina “00”

125 g farina manitoba

1 g lievito di birra secco

1 cucchiaino di sale

1 e 1/2 cucchiaino di zucchero o miele

15 g burro morbido o olio extra vergine d’oliva

150 ml latte intero tiepido

Per guarnire:

mezza tazzina di latte

fiocchi d’avena, semi di sesamo e semi di papavero q.b.

 

1) Procedete iniziando dall’impasto integrale: in una ciotola riunite farine, zucchero, lievito, sale ( avendo cura di versarlo dalla parte opposta della ciotola rispetto al lievito), burro o olio e cominciate ad amalgamare versando poca acqua tiepida alla volta. Trasferite l’impasto su di una spianatoia leggermente infarinata ed impastate vigorosamente per 10 minuti fino ad ottenere un panetto elastico e liscio. Oliate la ciotola e ponetevi l’impasto. Sigillate i bordi con  la pellicola alimentare e lasciate lievitare in un luogo caldo.

2) Procedete allo stesso modo con l’impasto n°2. Amalgamate gli ingredienti, impastate per una decina di minuti e mettete a lievitare per circa 2-3 ore. Gli impasti dovranno raddoppiare di volume.

3) Una volta gonfi, prendete i due impasti e rovesciateli nuovamente sul piano di lavoro. Dividete l’impasto integrale in 10 pezzi uguali, mentre quello al latte in 9. Con ciascun pezzetto di impasto formate delle palline, ripiegando i lembi di pasta su se stessi.

4) Foderate una tortiera del diametro di 24-26 cm con carta forno, poi alternate le palline integrali a quelle al latte, lasciando un po’ di spazio fra l’una e l’altra perché dovranno lievitare ancora. Coprite con un canovaccio umido e fate lievitare il pane una seconda volta per circa 45-60 minuti.

5) Preriscaldate il forno statico a 200°C ( ventilato a 170°C). Spennellate la superficie del pane con poco latte e cospargete i panini integrali con dei fiocchi d’avena mentre quelli al latte con dei semi di sesamo e papavero, così al termine della cottura potrete tranquillamente distinguerli. Infornate per 25-30 minuti. Lasciate intiepidire prima di rimuoverlo dallo stampo.

 

 

 

 

 

 

Questo pane si conserva per 1-2 giorni, se viene riposto all’interno di un sacchetto con chiusura ermetica. Nel caso ve ne avanzasse un po’ di più, potreste tagliarlo a cubetti e tostarlo in forno insieme ad un filo d’olio e ricavarne dei buonissimi crostini, ideali per guarnire una zuppa o una vellutata di verdura.

 


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . Sarei felice di vedere i vostri scatti!

Continue Reading

Waffles al grano saraceno con miele e frutti di bosco [gluten-free]

Conoscete i waffles? Sono cialde (chiamate anche gaufres) diffusissime in Nord Europa e negli Stati Uniti che si cuociono fra due piastre calde ed intrecciate, leggermente croccanti fuori e morbidissime all’interno, che vengono servite a colazione con sciroppo d’acero e frutta, crema alla nocciola, miele o confettura. Diventano anche un favoloso dessert, se accompagnate da gelato, panna montata e salse varie.

Quali sono le origini di questo dolce? I primi a cuocere impasti di farina fra due piastre di ghisa furono i Greci (obleios), seguiti dai Romani (oblata, ostia). Nel Medioevo l’ostia divenne famosissima in Belgio e cominciò ad essere chiamata Gaufre ( che in francese antico significa “dolce al miele a forma di nido d’ape). Nel periodo di Carnevale veniva preparato in segno di buon auspicio e buona fortuna.  In seguito, ogni città cominciò a contendersi la miglior ricetta e le cialdiere ( fer à gaufre) iniziarono a riportare lo stemma araldico della casata nobiliare reggente. Poi in America nel 1850 gli schiavi vennero liberati e in Europa ci fu la necessità di sostituire la melassa di canna da zucchero, che divenne irreperibile. Così si cominciò ad estrarre lo zucchero dalla barbabietola: uno zucchero duro, croccante e lucido. Il Principe di Liegi chiese al suo pasticcere di fiducia di preparare un dolce per il matrimonio della figlia che fosse un emblema della città e che allo stesso tempo includesse una delle novità dell’epoca: venne allora sostituito il miele con lo zucchero e nacque quello che ancora oggi è conosciuto come il Waffle di Liegi, uno dei dolci più apprezzati del Belgio. 

A parte la storia affascinante che si cela dietro la nascita di questo dolce, i waffles sono davvero squisiti. Quello che vi propongo è un twist, una variante al classico dolce belga. Un impasto gluten-free col carattere del grano saraceno, la dolcezza del miele e la bontà dei frutti di bosco freschi e leggermente aciduli. Avete presente la famosa torta di grano saraceno altoatesina, sì quella con la marmellata di frutti rossi e quel delicato profumo di cannella? Ecco, questo waffle ne ricorda molto il sapore!

Ormai il mio brunch o la colazione del weekend non conoscono altro protagonista. E’ quello che preparo quando ho poco tempo ma ho voglia di concedermi uno sfizio. E’ il mio comfort food. E’ il dolce che subito mi fa sentire a casa. Non conosco nulla di meglio di un waffle tiepido e una tazza di caffè rovente per iniziare meglio la giornata, davvero.  La felicità è nelle piccole cose, è qui.

 

 

Ingredienti per 4 porzioni:

120 g farina di grano saraceno

80 g farina di riso

2 uova medie

80 g zucchero di canna fine

50 g burro ( oppure 40 ml olio)

1 cucchiaino colmo di lievito per dolci

1 cucchiaino di cannella in polvere

190 ml latte intero

250 g frutti di bosco misti (more, lamponi, mirtilli…)

miele d’acacia q.b.

1) Rompete le uova e separate i tuorli dagli albumi. Montate i tuorli con lo zucchero, aggiungete a filo il burro fuso (oppure l’olio)

2) Unite ai tuorli montati la farina di grano saraceno, quella di riso, il lievito e la cannella, poi amalgamateli dolcemente al composto. Aggiungete il latte poco alla volta sino ad ottenere una pastella liscia e priva di grumi.

3) Montate gli albumi a neve ferma. Uniteli alla pastella con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare l’impasto.

4) Preriscaldate la piastra per i waffles, seguendo le istruzioni della vostra cialdiera. Una volta ben calda, versate qualche cucchiaio di composto per ciascun waffle, richiudete la piastra e attendete qualche minuto. Quando i waffles saranno dorati, rimuoveteli con una paletta in legno. Guarnite ciascun waffle con una manciata di frutti di bosco freschi ed una generosa colata di miele d’acacia.

 

 

CONSIGLI:

Consiglio di preparare l’impasto la sera prima e di conservarlo in frigo, così avrà modo di prendere più consistenza. La mattina successiva non vi resterà che cuocere i waffles.

I tempi di cottura variano molto da piastra a piastra, potrebbero volerci pochi secondi come pochi minuti. All’inizio fate delle prove per capire come funziona la vostra. Su Amazon se ne trovano molte in commercio, di diverso prezzo e diverso formato.

Se siete intolleranti al latte, sostituite il latte vaccino con il vostro latte vegetale preferito ( quello di mandorla ci starebbe proprio bene in questa ricetta!).

Al posto della farina di grano saraceno, potete variare ed utilizzare quella integrale, di farro, di avena, oppure aggiungere anche del cacao per una versione ancora più golosa! 

 


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . Sarei felice di vedere i vostri scatti!

 

Continue Reading

Tortine soffici allo yogurt, limone e mandorle [senza burro]

Questi muffins allo yogurt, limone e mandorle sono fatti per quelle mattine in cui si ha voglia di lentezza, si ha voglia di assaporare il gusto del caffè insieme ad un dolcino caldo appena sfornato.  Si preparano in poco meno di 10 minuti, si sporca pochissimo e si ottengono delle soffici tortine umide al punto giusto, profumatissime di limone fresco e fatte con ingredienti genuini, quelli che si hanno quasi sempre in dispensa. In pratica, questa è sicuramente una di quelle ricette jolly, da tenere sempre bene a mente, quando si ha poco tempo a disposizione ma non manca la voglia di presentare qualcosa di fatto con le proprie mani.

La mia mamma le ha sempre preparate sin da quando io e le mie sorelle eravamo piccole tanto che sono diventate il suo asso nella manica: le preparava per la colazione, le portava ai compleanni, alle feste della scuola, a casa degli amichetti per la merenda. Hanno sempre riscosso successo e di tanto in tanto, mi piace prepararle ancora, per fare un tuffo nei ricordi d’infanzia e ripercorrere con la mente quelle giornate.

I dolci casalinghi sono il mio comfort food per eccellenza, mi piace mescolare gli ingredienti nella ciotola, mi piace portarli a tavola, mi piace soffermarmi ad annusare il profumo che emanano e che in un attimo inonda casa. Per me, nulla può essere paragonato alla sensazione di benessere che si prova nello sfornare un buon dolce. E’ un gesto che trovo terapeutico ed appagante e che soprattutto ti rimette in pace con il mondo. Quindi se anche a voi capita di avere avuto una giornata pesante, rompete le uova e preparate queste tortine: è il rimedio migliore per riportare il buonumore

Ingredienti per 12 muffins:

3 uova

125 g yogurt intero o al limone

70 g olio di semi di girasole

175 g zucchero semolato

250 g farina 00

1 bustina di lievito per dolci (16 g )

1 pizzico di sale

la scorza di un limone grande non trattato

mandorle a lamelle q.b.

1) Preriscaldate il forno in modalità statica a 180°C.

2) In una ciotola, rompete le uova, unite lo zucchero e cominciate e montarle con le fruste elettriche. In seguito, unitevi l’olio, lo yogurt e tutta la scorza di limone grattugiata ed amalgamate bene.

3) In un’altra ciotola, setacciate bene la farina con il sale ed il lievito.

4) Versate gli ingredienti secchi in quelli liquidi e mescolate quel tanto che basta per sciogliere tutti i grumi ( i muffins non vanno mai mescolati troppo, se si vuole ottenere una consistenza umida e soffice).

5) Infornate i muffins per 15-20 minuti ( fate sempre la prova stecchino). Lasciate raffreddare su di una gratella per dolci e spolverate a piacere con zucchero a velo.

Le tortine allo yogurt, limone e mandorle si conservano sotto una campana di vetro per 3-4 giorni. Volendo, potreste anche profumare l’impasto con della zest di arancia e/o arricchirlo con gocce di cioccolato.

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog .

Continue Reading

Mince pies di Babbo Natale

Conoscete le mince pies?

Sono delle crostatine con un ripieno di frutta secca, spezie e noci racchiuse in un friabile guscio di frolla. Io le ho assaggiate per la prima volta un paio d’anni fa a Londra e da allora mi ha sempre incuriosito provare a replicarle a casa. Oltre ad essere molto buone, girando per il web ho scoperto che questo dolce tipico natalizio anglosassone ha una storia secolare.

La tradizione popolare dice che queste siano le tortine preferite da Babbo Natale, pare infatti che i bimbi inglesi lascino queste crostatine sul caminetto (accompagnate da un  bicchierino di brandy e  da una carota per la renna) così che Santa Claus possa rinfrancarsi dalle fatiche del lungo viaggio nella notte di Natale ( un po’ il corrispettivo del nostro latte e biscotti, no?!). Così facendo i bambini sperano di ingraziarselo e di ricevere più doni. A proposito, vi lascio il link ad uno spot pubblicitario natalizio di una nota multinazionale britannica Marks & Spencer che vi consiglio di guardare perché è proprio carino e anche un po’ commovente. Vediamo se nel filmato qualcuno di voi riesce ad individuare questi dolcetti!

L’origine di queste tortine risale a parecchi secoli fa, addirittura all’epoca medievale, quando il ripieno di questo dolce era carne trita ( “mincemeat” appunto) mescolata assieme a spezie e frutta secca. All’epoca i desserts non esistevano e dunque era usanza dei nobili mescolare il salato con il dolce in un’unica pietanza. Con il tempo la carne nel ripieno ha lasciato posto ad una farcia di sola frutta ma ne è stato conservato intatto il nome. Oggi vengono farcite con questa specie di marmellata di frutta secca scura davvero deliziosa.  Anche la forma è cambiata: in origine le mince pies avevano una forma rettangolare e simboleggiavano la mangiatoia in cui era stato posto Gesù bambino, in seguito hanno assunto una forma rotonda, con una stella in cima che doveva rappresentare la cometa che condusse pastori e Magi a Betlemme. Eppure nel XVII secolo questo dolce, dai chiari rimandi cristiani, rischiò di sparire per sempre dalle tavole inglesi, quando il puritano Cromwell tentò di abolire le celebrazioni natalizie, in quanto considerate immorali. Ora possiamo dire che, per nostra fortuna, Cromwell non ebbe successo!

Se vi capitasse di trovarvi nel Regno Unito in questo periodo trovereste barattoli di mincemeat già confezionati praticamente ovunque; sfortunatamente da noi non si trova ma si può preparare benissimo in casa. Una curiosità? La tradizione vuole che il ripieno delle mince pies venga mescolato in senso orario, in segno di buon auspicio per l’anno a venire.

Cosa fondamentale e caratteristica è che il ripieno, una volta pronto, venga fatto macerare per diverse ore ( anche giorni o persino settimane), di modo che i sapori si fondano per bene e che lo zucchero insieme all’alcool formi uno sciroppo denso. Io vi consiglio di preparare il mincemeat la sera prima dell’utilizzo e di conservarlo in frigorifero per usarlo l’indomani. Una volta cotte,  le mince pies sprigioneranno un profumo inebriante di spezie e agrumi per tutta casa e sarà davvero difficile non cedere alla tentazione di assaggiarne una finché sono ancora bollenti. Sono ottime sia fredde a colazione che calde con una salsa alla vaniglia o magari una pallina di gelato come dessert. Sono di certo una variante interessante ai nostri dolci natalizi!

 Se le sistemate in una scatola con un bel fiocco rosso si prestano a diventare anche un ottimo regalo fatto in casa per i vostri amici più golosi!

Per la frolla alle mandorle e vaniglia

225 g farina

100 g farina di mandorle

140 g burro freddo

100 g zucchero a velo

1/2 bacca di vaniglia

1 uovo medio

1 pizzico di sale

1) Preparate la frolla. Versate nel boccale di un mixer munito di lame in plastica la farina e il burro e azionate la macchina per pochi istanti fino a che avrà raggiunto una consistenza sabbiosa.

2) Unite poi anche lo zucchero a velo, la farina di mandorle, un pizzico di sale. Incidete la bacca di vaniglia con un coltello affilato e e sempre con lo stesso coltello grattatene via i semini interni e inseriteli nel mixer. Una volta amalgamati tutti gli ingredienti, aggiungete infine l’uovo e lasciate andare il mixer fino a quando l’impasto formerà una palla.

3) Trasferite l’impasto tra due fogli di pellicola trasparente e ponetelo in frigo a riposare per 2 ore prima di utilizzarlo.

Per il “mincemeat” (ripieno alla frutta)

1 mela grande

90 g uvetta sultanina

40 g cranberry (mirtilli rossi secchi)

140 g fichi secchi

60 g noci già sgusciate

30 g mandorle tostate

1 cucchiaino di cannella

1/2 cucchiaino di zenzero in polvere

1/4 cucchiaino di noce moscata

2 cucchiai grandi di miele

50 g zucchero scuro integrale di canna 

40 g arancia candita

la scorza di una arancia intera 

4 cucchiai di rum ( oppure brandy o whiskey)

1/2 bicchierino di marsala

zucchero a velo q.b per guarnire

4) Lavate l’uvetta e trasferitela in una ciotolina con del marsala. Lasciatela rinvenire  per una mezz’oretta.

5) Pelate e pulite una mela e tagliatela in pezzetti piccolissimi ( se preferite grattugiatela con una grattugia a fori larghi). Tagliate anche i fichi secchi in pezzetti altrettanto piccoli. Tritate a coltello abbastanza grossolanamente anche noci e mandorle.

6) In una ciotola riunite i pezzetti di mela, fichi secchi, uvette, cranberry, arancia candita, noci e mandorle. Aggiungete lo zucchero, il miele, le spezie e la scorza di un’arancia. In ultimo aggiungetevi anche il rum e mescolare bene il tutto. Coprite con pellicola e lasciate macerare per almeno 4 ore, avendo cura di dare una mescolata di tanto in tanto.

Per 14-15 mince pies

7) Stendete la frolla ad uno spessore di 3-4 mm e ricavate 14-15 stelle.

8) Imburrate ed infarinate uno stampo per muffins e ricavate dei cerchi di frolla del diametro di 8 cm circa e adagiateli nello stampo.

9) Distribuite il mincemeat negli incavi e coprite ciascuna tortina con una stella di impasto.

10) Preriscaldate il forno in modalità statica a 200°C e cuocete per 15-20 minuti o fino a quando saranno dorate in superficie. Aspettate che le mince pies siano completamente fredde prima di rimuoverle dagli stampi e guarnite con una spolverata di zucchero a velo.

Nota bene!!! 

Le mince pies si conservano bene fino ad una settimana, chiuse in un sacchetto per alimenti o in una scatola di latta al riparo dall’umidità. 

La versione originale vorrebbe anche una materia grassa nel ripieno (quella che gli inglesi chiamano “suet”). Nella mia versione ho cercato di alleggerire un po’, eliminando questo ingrediente, ma vi posso assicurare che il risultato finale non ne sente affatto la mancanza.

Vi auguro un dolcissimo Natale!!!

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog .

Continue Reading

Granola croccante al cioccolato fondente e nocciole

La granola è un mix di cereali croccanti e frutta secca, molto diffuso in Gran Bretagna e molto simile al nostro muesli ed è perfetta da consumare a colazione o per una merenda sana ed equilibrata. L’avena è l’ingrediente principale, un cereale ricco di fibre, vitamine e utilissimo perché capace di ridurre il colesterolo cattivo. Le proprietà nutrizionali e dimagranti di questo alimento sono sorprendenti, diciamo pure che l’avena è una vera e propria iniezione di salute! Oggi vi propongo questa ricetta facile per trasformare questo cereale in una colazione super light e nutriente e allo stesso tempo golosa, perfetta per l’estate in arrivo e per chi vuole tenersi leggero senza rinunciare al gusto. Per arricchire la mia granola io ho utilizzato nocciole e cioccolato fondente, le possibilità però sono infinite.

Io la mangio accostandola a della buona frutta fresca come fragole e mirtilli e a dello yogurt fresco. E’ deliziosa affogata nel latte freddo ma è fantastica anche da sola a cucchiaiate. Perfetta al mattino a colazione, come spuntino leggero o semplicemente come snack veloce.

Ah già dimenticavo di dirvi che ho aggiunto anche la cannella, che conferisce un sapore delicato all’avena.  Tranquilli, se non vi piace potete ometterla. Ho fatto le mie ricerche però: pare che miele e cannella siano una combinazione dagli innumerevoli effetti benefici, insomma una vera e propria medicina naturale contro moltissimi malanni; tra l’altro contrasta l’invecchiamento cutaneo e aiuta la digestione. Tanto meglio, no!? Non vi resta che provarla!

 

Per un barattolo da circa 400 g di crunchy granola:

250 g fiocchi d’avena

2 cucchiai colmi di miele (millefiori, d’acacia, di castagno…)

1 cucchiaio d’acqua

50 ml olio di semi ( io solitamente utilizzo l’olio di semi di mais, ma altri oli di semi vanno bene ugualmente)

2 cucchiai di sciroppo d’agave o sciroppo d’acero

30 g zucchero di canna

1 pizzico di sale

1 cucchiaino di cannella in polvere

100 g mandorle non pelate

30 g semi di sesamo

50 g nocciole tostate

60 g gocce di cioccolato fondente al 70 % di cacao

 

Procedimento

1) In una ciotola versate i fiocchi d’avena, il sesamo, la cannella in polvere e le mandorle tritate grossolanamente a coltello. Mescolate bene.

2) In un pentolino versate il miele, lo zucchero, il sale, l’acqua, l’olio e lo sciroppo e ponete il tutto su fiamma medio-bassa per pochi minuti, mescolando continuamente. Quando il composto comincerà a sobbollire e comincerà a formarsi una schiuma sui bordi di colore ambrato, spegnete il fornello e versate lo sciroppo nella ciotola con i fiocchi d’avena. Mescolate accuratamente affinché il liquido copra interamente i cereali.

3) Trasferite la granola su di una teglia, rivestita con carta forno e distribuite il composto uniformemente su tutta la superficie, poi trasferite la placca nel forno preriscaldato in modalità ventilata a 160° per circa 40 minuti.

4) La vostra granola dovrà tostare e caramellare allo stesso tempo pertanto dovrete munirvi di pazienza e preoccuparvi di rigirare il composto con un cucchiaio ogni 10 minuti, onde evitare che la granola ai bordi bruci.

5) Trascorso il tempo necessario la granola avrà raggiunto un colore ben brunito, estraetela quindi dal forno e compattatela in un rettangolo, pressandola con un cucchiaio. Lasciatela raffreddare completamente e poi rompetela in grossi pezzi. Così facendo otterrete anche gli agglomerati di cereali che piacciono tanto.

6) A questo punto tagliate a metà le nocciole tostate e aggiungetele insieme alle gocce di cioccolato al vostro mix. La granola si conserva fino a 2 settimane in un contenitore ermetico al riparo dall’umidità ma dubito seriamente che una volta preparata, possa durare così a lungo nelle vostre dispense!

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . Sarei felice di vedere i vostri scatti!

 

Scroll down for ENGLISH VERSION

 

CRUNCHY HAZELNUTS AND DARK CHOCOLATE GRANOLA

Lately, one of my favourite breakfasts is homemade granola. It’s so good, so easy and quick to make, so light and tasty. It simply makes the perfect break or snack before the arrival of summer. I usually serve this with yoghurt and fresh fruits, such as berries or peaches, but you could have this with a good bowl of milk. You know what!? It’s delicious even just as it is! I have enriched mine with some hazelnuts and some chocolate chips ‘cause I love them but you could use raisins, dried fruits, any kind of nuts. Possibilities are endless!

The funny fact is that it’s even super healthy! Oats contain loads of fibers, vitamins and they help to reduce the bad cholesterol in your arteries. As a matter of fact oats are a real natural drug! Furthermore in this recipe you’ll find both honey and cinnamon which are a great combo: just in case you didn’t know, these two ingredients together can provide you with many benefits for your health.

Kick off your day with this hearty, crunchy, gluten free and vegan treat. You’ll not be disappointed!

For about 400 g of homemade granola

250 g porridge oats

2 tbsp runny honey

1 tbsp water

2 tbsp maple or agave syrup

50 ml vegetable oil ( whichever you prefer, but try to avoid olive oil because of its strong flavour)

30 g cane sugar or light brown sugar

1 pinch of salt

1 tsp cinnamon

50 g flaked almonds

50 g toasted hazelnuts

60 g dark chocolate chips

Method

1) In a large mixing bowl, pour your oats and almonds and mix it well.

2) Put a small saucepan on a low heat and  stir in the runny honey, salt, sugar, maple syrup, cinnamon, water and oil. Continue stirring until the sugar dissolves and it starts foaming on the sides. Then turn the heat off and pour the caramel into the cereals and combine everything together until the oats are nicely coated with the liquid.

3) Preheat the oven to 160°C/ 320°F and arrange your granola onto a baking tray, previously lined with some greaseproof paper. Spread it very well into the corners of your tray, then bake it for 40 minutes, stirring it every 10 minutes with a spoon to prevent it burns on the sides. Once it has evenly toasted, pull it out of the oven and press it in a rectangle, until it’s still hot. Let it cool down completely before breaking it into pieces.

4) At the end, add your chocolate chips or some coarsely chopped chocolate and your hazelnuts, cut in halves. Mix it once again, then fill up an airtight container. You can store this granola up to 2 weeks but I don’t think it will actually last that long!

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on my social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

Continue Reading