Con le mani…ne in pasta!

” Tutti i grandi sono stati bambini una volta. ( Ma pochi di essi se ne ricordano).”

              Antoine de Saint-Exupéry

Quando ero piccola trascorrevo le estati in famiglia al mare. Dopo le vacanze al mare ci ritrovavamo in casa sempre occupate nelle più svariate attività. Io e le mie sorelle giocavano in giardino interi pomeriggi. Mia madre invece, è stata un’autentica cultrice del giardino, dei fiori e dell’orto e lo è tutt’ora. Sempre intenta ad occuparsi di migliorare, sistemare, restaurare oggetti o angoli all’esterno di casa. Tra le faccende estive ricorrenti però, c’è sempre stata anche la produzione annuale di marmellate e conserve. In maniera particolare, la produzione di conserva pomodoro. Mia madre ne faceva tanta perché sarebbe dovuta bastare per l’intero inverno successivo. Ed ecco che allora tirava fuori il pentolone enorme e lo metteva sullo sgangherato fornello a gas esterno e lasciava cuocere i pomodori fino quasi a farli spappolare. L’ho osservata un sacco di volte finché tirava fuori quel passapomodoro rosso, sì quello di plastica e con la manovella di una volta, finché passava le bucce di pomodoro ancora e ancora per estrarne più succo possibile. Ma perché vi racconto questo, vi starete chiedendo? Ve lo racconto perché è così che ho cominciato a sporcarmi le mani in cucina. O più che le mani, così ho cominciato ad imbrattare il grembiule di chiazze rosse. Mia madre cercava di coinvolgerci il più possibile: a me spettava il compito di girare la manovella e a mia sorella toccava il compito più ingrato, ovvero l’assaggio! Fatto sta che in questi semplici gesti ho cominciato a scoprire quanto possa essere affascinante trasformare gli ingredienti per dargli nuova forma, nuova vita. Da allora quello che era un semplice interesse è cresciuto con me fino a diventare una tensione alla scoperta continua, un viaggio attraverso i sapori che ho l’impressione sia solamente appena iniziato.

Vi ho fatto tutta questa lunga premessa su come è nata la mia passione perché oggi vi voglio raccontare un po’ di me e dei laboratori di cucina che ho tenuto presso una scuola materna negli ultimi 3 mesi. Era da un po’ che speravo di poter scrivere questo post ma volevo che l’esperienza si concludesse per potervi fare un unico resoconto. A fine 2015 mi è stata fatta la proposta di tenere questi 3 mini corsi per insegnare ai bimbi a fare i biscotti e devo ammettere che all’inizio avevo paura di non essere all’altezza. Invece ho scoperto che mi è piaciuto, già, mi è piaciuto moltissimo e quasi quasi mi dispiace sia già finito!

Fare i biscotti è una delle cose più divertenti che possano esistere, o almeno, per me lo è. Probabilmente perché il processo di impastare, stendere e tagliare con stampini multiforme è capace di risvegliare la parte fanciullesca che esiste dentro ciascuno di noi. Fare i biscotti è, in fondo come tornare un po’ bambini perché ti costringe a tirare fuori la fantasia e a sporcarti le mani, dunque perché non coinvolgere in questa attività chi bambino lo è per davvero?

Prima di raccontarvi pero’ voglio ringraziare Margherita, la persona che mi ha proposto di tenere questo laboratorio e che ha creduto nelle mie capacità. In fondo sono sicura che lei sapesse che questa attività non sarebbe stata utile solo ai bimbi ma lo sarebbe stata anche per me, proprio perché mi ha permesso di confrontarmi con me stessa, mi ha permesso di fare un passo di crescita in avanti. Insomma mi ha dato la possibilità di interagire con un mondo diverso dal solito al quale ho cercato di trasmettere la gioia per  quello che mi diverte di più.

Allora dunque, da dove comincio? ll primo giorno ( e quelli successivi anche!) sono arrivata con un borsone pieno di stampini (come vi ho già raccontato sono patita di stampini perciò ne ho di tutte le forme), mattarelli e altri attrezzi del mestiere e superato l’imbarazzo iniziale di tutti quegli occhi, seppur piccoli, puntati su di me, mi sono presentata. Ho fatto il nodo al grembiule e ho cominciato a preparare l’impasto. Ingrediente dopo ingrediente, ho cercato di mostrare ai bambini come la pasta cambiava colore, consistenza ed aroma. Mentre impastavo li guardavo e vedevo un po’ in loro me quando ero piccina e osservavo mia madre fare la pasta frolla. Poi finalmente è arrivato il momento che anche i bimbi si sporcassero le mani. Un pezzo d’impasto ciascuno, gli stampini sui tavoli colorati, i cappelli in testa fatti con i sacchetti del pane, grida chiassose provenienti da ogni dove e noi tre ( le maestre ed io) a girare come trottole per aiutare a stendere l’ impasto, aggiungere farina e prelevare i biscotti pronti, che le loro manine avevano prontamente prodotto e che man mano riempivano le teglie. E chi aveva finito l’impasto, ne chiedeva ancora come se ci avesse preso gusto a maneggiare quel composto morbido, burroso e profumato.

IMG_9025

Un po’ di tempo fa, ricordo di aver letto che mettere le mani in pasta fin dalla tenera età aiuta a sviluppare nei bambini la propria creatività, fantasia e la propria manualità. Tutto merito insomma di quel che io chiamo il magico potere dell’impasto, ovvero quel rilassante meccanismo di gratificazione e soddisfazione che scaturisce dal miscelare, amalgamare e rimestare gli ingredienti fra di loro. Oltre che essere molto terapeutico, cucinare però ha anche un enorme valore educativo e culturale durante l’infanzia. Da un lato infatti stimola l’utilizzo dei 5 sensi e aiuta i piccoli a comprendere il valore del processo produttivo di un prodotto. Per fare un esempio pratico, diciamocela tutta: molti bambini mangiano biscotti tutti i giorni, senza conoscere però cosa contengono quei biscotti o la serie di passaggi o tecniche che ci sono volute per arrivare al prodotto finito. Pertanto, cucinando un bambino impara a non dare più per scontato il valore del tempo e del lavoro che ha impiegato per produrre qualcosa. Dall’altro lato invece  un bambino è in grado di sviluppare la propria autostima perché per lui/lei non sarà importante la precisione del risultato finale ma il fatto che è riuscito a trasformare qualcosa di ordinario in qualcos’altro di unico e personale in modo autonomo.

Ho potuto verificare di persona quanto tutto ciò sia vero: la voglia di scoprire ed imparare è diventata subito un gioco. Quei bimbi, tutti molto piccoli, fra i 4 e i 5 anni, hanno cominciato a maneggiare con naturalezza l’impasto sin da subito, stendendolo con il mattarello e ritagliando con le formine preferite. Beh… c’è da dire che alcuni bimbi preferivano fare biscotti sottili come carta velina ed altri che invece optavano per lo spessore di un dischetto da hockey! L’inevitabile conseguenza? Un po’ di disomogeneità nei tempi di cottura ( ah,ah,ah…per la felicità della cuoca, insomma!). Ma questo non importa, ciò che conta è che questi bimbi si sono divertiti e hanno portato a casa e condiviso con la famiglia i loro biscotti, che non saranno stati di certo perfetti ma che sicuramente avevano il valore aggiunto di un prodotto fatto a mano frutto di impegno e dedizione.

Come qualsiasi cosa nuova è inevitabile portarsi dietro il segno indelebile che marca ciascuna bella esperienza. Allora mi sono chiesta: -” E tu Gloria cosa ricorderai? “- Sicuramente ricorderò i sorrisi dei bimbi, il loro sguardo rapito dal vedere l’impasto prendere forma, la loro voglia di essere partecipi, l’orgoglio nei loro occhi nel dirti: -” Questo l’ho fatto io!”-. Ricorderò anche i loro disegni perché non ero mai stata il soggetto dei disegni di nessuno. Ricorderò le loro richieste d’aiuto e il loro desiderio di far meglio. Ricorderò la spontaneità degli abbracci di quei bimbi che mi hanno accolta e presa in simpatia anche solo dopo aver trascorso poche ore assieme. E di certo non dimenticherò l’allegria di Silvia, la dolcezza di Margherita e il prezioso contributo di Chiara per le foto. Ringrazio inoltre la cucina per aver messo  a disposizione tutti gli ingredienti e gli utensili necessari e anche quel magnifico carrello in acciaio. Già, quel carrello che trascinavo con soddisfazione verso la cucina, consapevole di essere custode del frutto di un lavoro collettivo e allo stesso tempo di un ricordo. Di sicuro questo workshop per me è un ricordo. Spero lo sarà anche per loro.

P.S: Spero non mi prenderete per una pazza egocentrica ma purtroppo nelle foto che vedrete a seguito non ho potuto mostrarvi molto i bimbi mentre lavoravano per chiari motivi legati alla privacy. Spero dunque vi accontenterete di me!

IMG_9040 IMG_4550 IMG_4680 IMG_4592 IMG_6867

IMG_9031

IMG_6855

Ed ecco il risultato finale!

IMG_4710

Se questo post ti è piaciuto, non esitare a lasciare un commento qui sotto e a seguirmi sui social ( mi trovi su Facebook, Instagram e Twitter). Arriveranno tante altre ricette, storie e molto altro ancora!

 

Continue Reading