4 idee per i Biscotti di Natale da regalare

Il mese di Dicembre è sicuramente dedicato ai biscotti. Mi piace prepararne di tutti i tipi e di tutti i gusti per poi riempirne scatole e sacchetti da distribuire in giro fra amici e parenti. Trovare un po’ di tempo per dei regali fatti in casa è un momento che per me ha un valore molto importante; è una sorta di rito di iniziazione all’Avvento ed è un modo per ricordarmi che sono i gesti semplici a fare la differenza.

Diversamente del solito, quest’anno lo spirito natalizio ha bussato alla mia porta un po’ in ritardo. Pazienza, l’ho accolto comunque a braccia aperte e sto cercando di recuperare alla svelta il tempo perduto. Le cose da fare sono sempre tante ma il tempo a disposizione sembra scorrere troppo velocemente. Penso dunque che per i miei doni last minute ripiegherò su quelle ricette che rifaccio da una vita e che non mi tradiscono mai. Quelle ricette che riescono al primo colpo e che non hanno nulla da invidiare alle pasticcerie. Allora sincronizzo l’ipod e mi chiudo in cucina e sulle note di “Have yourself a merry little Christmas”, impasto e stendo accompagnata dalle voci di Dean Martin, Frank Sinatra e Bing Crosby. 

Se come me, anche voi siete indietro con i regali di Natale oppure avete solo voglia di ricreare a casa vostra quel tipico profumo di biscotti che aleggia nell’aria durante le feste, siete capitati proprio nel posto giusto! Vi propongo quattro idee semplici per quattro tipi di biscotti, uno più goloso dell’altro! Li preparerete e li adorerete! E se riuscirete a non mangiarveli tutti durante i preparativi, allora disponeteli in una scatola di cartone e sbizzarritevi con nastri e fiocchetti. Coloro ai quale verranno offerti avranno solamente l’imbarazzo della scelta: frollini alla marmellata, crinkle cookies, stelline al fondente oppure nodini alla cannella?! Quale assaggio per primo?

 

PER I CRINKLE COOKIES:

I crinkle cookies sono i biscotti più famosi del Natale. Croccanti all’esterno e morbidi all’interno, la loro particolarità si cela nel fatto che durante la cottura, questi si espandono formando delle screpolature in superficie: da qui il nome “crinkle”. La notte del 25 dicembre, lasciatene qualcuno sul davanzale del camino insieme ad un bicchiere di latte: farete la felicità di Babbo Natale, garantito!

190 g farina “00”
60 g burro
150 g zucchero semolato
175 g cioccolato fondente
2 uova
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
3 cucchiai di zucchero a velo per impanare i biscotti

  • Fondere il burro insieme al cioccolato tagliato a pezzetti su fiamma bassa.
  • In una terrina, montare le uova con lo zucchero fino a quando diverranno spumose. Aggiungervi poi il composto di cioccolato fuso intiepidito.
  • Unire anche la farina, il lievito, il sale ed amalgamare bene con una spatola sino ad ottenere un impasto morbido.
  • Porre in frigo l’impasto coperto con pellicola per alimenti e lasciarlo riposare per mezz’ora.
  • Con cucchiaino ricavare piccole porzioni di impasto, formare delle palline con le mani, impanarle abbondantemente nello zucchero a velo e schiacciarle delicatamente al centro.
  • Preriscaldare il forno a 180°C in modalità statica e cuocere i biscotti per circa 10-15 minuti.

PER I FROLLINI ALLA MARMELLATA DI ALBICOCCHE:

Di certo questi biscotti non hanno bisogno di lunghe presentazioni: chi non ne ha mai mangiato uno?! Una frolla friabile racchiude un generoso strato di marmellata di albicocche. Uno tira l’altro!

280 g farina “00”

100 g burro freddo

100 g zucchero a velo

1 bustina di vanillina

1/2 cucchiaino di lievito per dolci

1 uovo

1 pizzico di sale

200 g marmellata di albicocche

  • In un mixer munito di lame in plastica, versare la farina, lo zucchero a velo, il lievito, l’aroma di vaniglia ed il sale. Aggiungere in ultimo il burro freddo tagliato a tocchetti. Azionare la macchina per pochi istanti per amalgamare.
  • Rompere un uovo ed inserirlo nel mixer assieme al resto. Frullare ancora fino a che comincerà a formarsi un impasto. Compattare le briciole con le mani, avvolgere l’impasto nella pellicola alimentare e porlo in frigo per mezz’ora.
  • Trascorso il tempo di riposo, stendere l’impasto e ricavare i frollini con un tagliabiscotti tondo. Adagiare i frollini su una teglia da forno. Con una formina più piccola, ricavare una cavità al centro della metà dei biscotti formati.
  • Cuocere in forno preriscaldato in modalità statica a 180°C per 10-12 minuti. Adagiare i biscotti su una gratella per dolci e lasciarli raffreddare.
  • Una volta freddi, distribuire la marmellata su metà dei biscotti e accoppiarli con i restanti.
  • Spolverare i frollini con lo zucchero a velo.

 

PER LE STELLINE AL CIOCCOLATO:

La frolla incontra il cioccolato fondente in un abbraccio squisito. Per rendere questi biscotti ancora più golosi, potreste cospargere la parte al cioccolato con della granella di nocciole o di pistacchi. Velocissimi da preparare, l’unica accortezza da rivolgere a questi biscotti e quella di aspettare che il cioccolato si sia solidificato completamente prima di riporli in un contenitore.

280 g farina “00”

100 g zucchero a velo

100 g burro freddo

1 bustina di vanillina

1/2 cucchiaino di lievito per dolci

1 pizzico di sale

200 g cioccolato fondente

  • Preparare la frolla allo stesso modo spiegato nella ricetta precedente.
  • Stendere l’impasto e ricavare dei biscotti a forma di stella.
  • Tritare in pezzi grossolani il cioccolato e lasciarlo sciogliere a bagnomaria.
  • Intingere i biscotti per metà nel cioccolato fuso, adagiarli su una teglia rivestita di carta forno e aspettare che il cioccolato rapprenda prima di riporli in una scatola ermetica.

 

PER I NODINI ALLO ZUCCHERO E CANNELLA:

Un pizzico di cannella a Natale non guasta mai! Questi biscottini sono ottimi con una tazza di tea ed in mancanza dello stampino richiesto potete realizzarli della forma che più preferite.

175 g farina “00”

75 g zucchero semolato fine

75 g burro freddo

2 tuorli d’uovo

1 pizzico di sale

1 cucchiaino scarso di cannella in polvere

1 cucchiaio di zucchero per spolverare i biscotti

  • In una mixer inserire la farina, lo zucchero ed il burro tagliato a pezzetti. Azionare il robot per pochi istanti sino ad ottenere un composto sabbioso.
  • Aggiungere la cannella in polvere, il sale e i tuorli d’uovo. Azionare nuovamente il mixer ancora per pochi secondi. Compattare l’impasto con le mani e avvolgerlo nella pellicola trasparente.
  • Trascorso il tempo di riposo, stendere l’impasto con un mattarello su un piano di lavoro e ricavare i biscotti con uno stampino ad espulsione. In mancanza dello stampino, ricavare dei cordoncini sottili ed intrecciarli fino a formare dei nodini.
  • Spolverare i biscotti con lo zucchero semolato, sino a rivestirne la superficie.
  • Preriscaldare il forno in modalità statica a 180°C e cuocere i biscotti per 10-12 minuti.

Vi auguro di cuore di trascorrere un sereno Natale e di cominciare un felice anno nuovo! A presto!


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i social media, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto ed usa l’hashtag #cinnamonloverblog . Farai parte della mia gallery su Instagram! 

Continue Reading

Preparato per cioccolata calda in tazza

La cioccolata calda è una delle bevande più confortanti ed appaganti che esistano. Tutti ricordano le domeniche mattina d’infanzia, quando ci si alzava tardi e si sorseggiava cioccolata ancora in pigiama di fronte al caminetto acceso. Diciamocelo: la cioccolata calda è un classico intramontabile delle merende invernali. Anzi, ora che le temperature stanno calando a picco mi sembra doveroso concedersi una tazza di questa delizia fumante.

C’è un immagine indelebile nella mia mente quando penso alla cioccolata calda e questa immagine mi rimanda a quando ero bambina. La notte di Natale, subito dopo la Messa e dopo che tutti si erano scambiati gli auguri, ci si recava fuori dalla Chiesa, dove venivano distribuiti cioccolata calda, vin brulé e panettone. Ed era così bello, nonostante fosse molto freddo, sapere che si stava condividendo un momento così speciale, i primi minuti della festa più magica dell’anno. Ecco ogni volta che preparo la cioccolata, mi capita di rivivere quegli istanti e per un attimo sorrido.

Per la mia cioccolata mi piace utilizzare un cioccolato con un’alta percentuale di cacao. Densa e cremosa come quelle delle pubblicità e ricca di sapore. Ne ho sempre un vasetto in dispensa, pronto in caso di qualsiasi evenienza come la visita improvvisa di ospiti o semplicemente come dolce coccola in un freddo pomeriggio invernale. Guarnitela poi con ciò che più preferite ( io l’adoro con panna montata e cannella in cima) ma una cosa è certa: una volta provata la versione fatta in casa, non acquisterete più le bustine già pronte!

5 from 1 reviews
Preparato per cioccolata calda in tazza
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Una cioccolata calda densa e cremosa, guarnita da marshmallows che si sciolgono in superficie, per riscaldare i freddi pomeriggi invernali.
Author:
Tipo di ricetta: Bevande calde, Cioccolata
Dosaggio: Preparato per 12 tazze di cioccolata calda
Ingredienti
  • 160 g cioccolato fondente al 70% di cacao
  • 85 g cacao amaro in polvere
  • 100 g zucchero a velo
  • 30 g zucchero di canna
  • 60 g amido di mais
Procedimento
  1. Tritate il cioccolato fondente a scaglie sottili.
  2. In un mixer, inserite il cioccolato, il cacao, l'amido di mais e gli zuccheri.
  3. Miscelate il tutto fino ad ottenere una polvere omogenea. Trasferite il preparato per cioccolata calda in un vasetto di vetro.
  4. All'occorrenza dovrete utilizzare 150 ml latte a cui aggiungerete 3 cucchiai di preparato per cioccolata (per ciascuna persona).
  5. Mescolate affinché non si formino grumi e poi ponete su fuoco medio-basso, girando continuamente con una cucchiaio fino a che la cioccolata avrà raggiunto il punto di ebollizione e la consistenza desiderata.
  6. Versate subito la cioccolata calda nelle tazze e guarnitela con panna montata o marshmallows.

 

L’ IDEA IN PIU’!

 Una volta pronto il preparato per cioccolata calda si conserva in un vasetto ermetico anche per diversi mesi. Vi basterà tirarlo fuori all’occorrenza. 

Potete decorare il vasetto di vetro con nastri e targhette ( io ho acquistato timbri e tags al Tiger) e donarlo ai vostri amici e parenti. Se volete potete impreziosire il vostro regalo aggiungendo un sacchetto di marshmallow che ogni persona distribuirà sulla propria tazza a piacimento.

Non dimenticatevi di inserire nel barattolo anche le istruzioni. Vi allego (link qui sotto) il PDF scaricabile gratuitamente, con le dosi e le modalità di utilizzo.

PREPARATO PER CIOCCOLATA CALDA IN TAZZA

 


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i social media, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . 

 

Continue Reading

Mince pies di Babbo Natale

Conoscete le mince pies?

Sono delle crostatine con un ripieno di frutta secca, spezie e noci racchiuse in un friabile guscio di frolla. Io le ho assaggiate per la prima volta un paio d’anni fa a Londra e da allora mi ha sempre incuriosito provare a replicarle a casa. Oltre ad essere molto buone, girando per il web ho scoperto che questo dolce tipico natalizio anglosassone ha una storia secolare.

La tradizione popolare dice che queste siano le tortine preferite da Babbo Natale, pare infatti che i bimbi inglesi lascino queste crostatine sul caminetto (accompagnate da un  bicchierino di brandy e  da una carota per la renna) così che Santa Claus possa rinfrancarsi dalle fatiche del lungo viaggio nella notte di Natale ( un po’ il corrispettivo del nostro latte e biscotti, no?!). Così facendo i bambini sperano di ingraziarselo e di ricevere più doni. A proposito, vi lascio il link ad uno spot pubblicitario natalizio di una nota multinazionale britannica Marks & Spencer che vi consiglio di guardare perché è proprio carino e anche un po’ commovente. Vediamo se nel filmato qualcuno di voi riesce ad individuare questi dolcetti!

L’origine di queste tortine risale a parecchi secoli fa, addirittura all’epoca medievale, quando il ripieno di questo dolce era carne trita ( “mincemeat” appunto) mescolata assieme a spezie e frutta secca. All’epoca i desserts non esistevano e dunque era usanza dei nobili mescolare il salato con il dolce in un’unica pietanza. Con il tempo la carne nel ripieno ha lasciato posto ad una farcia di sola frutta ma ne è stato conservato intatto il nome. Oggi vengono farcite con questa specie di marmellata di frutta secca scura davvero deliziosa.  Anche la forma è cambiata: in origine le mince pies avevano una forma rettangolare e simboleggiavano la mangiatoia in cui era stato posto Gesù bambino, in seguito hanno assunto una forma rotonda, con una stella in cima che doveva rappresentare la cometa che condusse pastori e Magi a Betlemme. Eppure nel XVII secolo questo dolce, dai chiari rimandi cristiani, rischiò di sparire per sempre dalle tavole inglesi, quando il puritano Cromwell tentò di abolire le celebrazioni natalizie, in quanto considerate immorali. Ora possiamo dire che, per nostra fortuna, Cromwell non ebbe successo!

Se vi capitasse di trovarvi nel Regno Unito in questo periodo trovereste barattoli di mincemeat già confezionati praticamente ovunque; sfortunatamente da noi non si trova ma si può preparare benissimo in casa. Una curiosità? La tradizione vuole che il ripieno delle mince pies venga mescolato in senso orario, in segno di buon auspicio per l’anno a venire.

Cosa fondamentale e caratteristica è che il ripieno, una volta pronto, venga fatto macerare per diverse ore ( anche giorni o persino settimane), di modo che i sapori si fondano per bene e che lo zucchero insieme all’alcool formi uno sciroppo denso. Io vi consiglio di preparare il mincemeat la sera prima dell’utilizzo e di conservarlo in frigorifero per usarlo l’indomani. Una volta cotte,  le mince pies sprigioneranno un profumo inebriante di spezie e agrumi per tutta casa e sarà davvero difficile non cedere alla tentazione di assaggiarne una finché sono ancora bollenti. Sono ottime sia fredde a colazione che calde con una salsa alla vaniglia o magari una pallina di gelato come dessert. Sono di certo una variante interessante ai nostri dolci natalizi!

 Se le sistemate in una scatola con un bel fiocco rosso si prestano a diventare anche un ottimo regalo fatto in casa per i vostri amici più golosi!


5 from 1 reviews
Mince pies di Babbo Natale
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Author:
Tipo di ricetta: Pies, Ricette di Natale
Cuisine: Origine anglosassone
Dosaggio: Per 18 mince pies
Ingredienti
  • PER LA FROLLA ALLE MANDORLE & VANIGLIA:
  • 225 g farina
  • 100 g farina di mandorle
  • 140 g burro freddo
  • 100 g zucchero a velo
  • ½ bacca di vaniglia
  • 1 uovo medio
  • 1 pizzico di sale
  • PER IL "MINCEMEAT":
  • 1 mela grande
  • 75 g uvetta sultanina
  • 20 g cranberry (mirtilli rossi secchi)
  • 80 g fichi secchi
  • 40 g nocciole oppure noci
  • 40 g mandorle tostate
  • 1 cucchiaino di cannella
  • ½ cucchiaino di zenzero in polvere
  • 2 cucchiai grandi di miele
  • 45 g zucchero scuro integrale di canna
  • 50 g arancia candita
  • la scorza di una arancia intera ( non trattata)
  • 6-8 cucchiai di rum ( oppure brandy o whiskey)
Procedimento
  1. Preparare la frolla. Versare nel boccale di un mixer munito di lame in plastica la farina ed il burro e azionare la macchina per pochi istanti fino a che il composto avrà raggiunto una consistenza sabbiosa.
  2. Unire poi anche lo zucchero a velo, la farina di mandorle, un pizzico di sale. Incidere la bacca di vaniglia con un coltello affilato e e sempre con lo stesso coltello grattarne via i semini interni e inserirli nel mixer. Una volta amalgamati tutti gli ingredienti, aggiungere infine l'uovo e lasciare lavorare il mixer fino a quando l'impasto sarà omogeneo.
  3. Trasferire l'impasto tra due fogli di pellicola trasparente e porlo in frigo a riposare per 2 ore.
  4. Nel frattempo, pelare e pulire una mela e tagliarla in pezzetti piccolissimi ( se preferite grattugiatela con una grattugia a fori larghi). Tagliate anche i fichi secchi in pezzetti altrettanto piccoli.
  5. Tritare a coltello abbastanza grossolanamente anche nocciole e mandorle.
  6. In una ciotola riunire i pezzetti di mela, fichi secchi, uvetta, cranberry, arancia candita a pezzetti, nocciole e mandorle. Aggiungere lo zucchero, il miele, le spezie e la scorza di un'arancia. In ultimo aggiungere anche il rum e mescolare bene il tutto. Coprire con pellicola alimentare e lasciare macerare per almeno 4 ore ( meglio tutta la notte), avendo cura di dare una mescolata di tanto in tanto.
  7. Stendere la frolla ad uno spessore di 3-4 mm e ricavare 14-15 stelle.
  8. Ricavare dei cerchi di frolla del diametro di 8 cm circa e adagiarli nello stampo per muffins.
  9. Distribuire il mincemeat negli incavi e coprire ciascuna tortina con una stella di impasto.
  10. Preriscaldare il forno in modalità statica a 200°C e cuocere per 15-20 minuti o fino a quando saranno dorate in superficie. Aspettare che le mince pies siano completamente fredde prima di rimuoverle dagli stampi e guarnirle in ultimo con una spolverata di zucchero a velo.

 

Nota bene!!! 

Le mince pies si conservano bene fino ad una settimana, chiuse in un sacchetto per alimenti o in una scatola di latta al riparo dall’umidità. 

La versione originale vorrebbe anche una materia grassa nel ripieno (quella che gli inglesi chiamano “suet”). Nella mia versione ho cercato di alleggerire un po’, eliminando questo ingrediente, ma vi posso assicurare che il risultato finale non ne sente affatto la mancanza.

Vi auguro un dolcissimo Natale!!!

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog .

Continue Reading