Linzer Torte [il dolce austriaco delle feste]

Vi sarà capitato sicuramente di assaggiarla almeno una volta nella vita. La Linzer Torte è il dolce austriaco originario della città di Linz, celebre per essere stata la prima ricetta scritta di una torta al mondo. Quest’ultima si trova custodita nella più antica biblioteca monastica del mondo, ad Admont. Un guscio di frolla al grano saraceno, profumata dalle spezie e dagli agrumi ed arricchita dalle note tostate delle nocciole e delle mandorle, racchiude un ripieno avvolgente di marmellata di lamponi o ribes. A metà fra una crostata ed una torta morbida, la linzer torte ha un sapore che conquista al primo morso e che riporta subito alla mente tutti i profumi del Natale e delle feste. 

Quando raggiungo il sud Tirolo per le vacanze non me ne faccio mai mancare almeno una fetta! Mi ricorda l’infanzia, le passeggiate nei boschi, le merende in baita. Una torta rustica, dal gusto semplice ma squisito. L’altro giorno l’ho vista esposta in bella mostra ai mercatini tedeschi a Verona, fra bretzel caldi e strudel chilometrici ed ovviamente non ho saputo resistere! 

La preparerò di nuovo per la colazione della mattina di Natale perché in giornate speciali ci vuole una merenda all’altezza delle aspettative. Così mentre i regali sotto l’albero verranno scartati e la radio intonerà le note gospel di uno fra i brani più classici come ” Oh, Happy Day”, io metterò in tavola questa delizia ancora tiepida.

Se vi manca ancora qualche regalo, ricordate che la Linzer Torte rientra in quella categoria di dolci natalizi adatti ad essere confezionati per bene e scambiati in dono. Se cercate ispirazione, ne potete trovare altri nella sezione natalizia che trovate nel menù in home page. Ma ora bando alle ciance, vi lascio al ricetta e mi butto a capofitto sullo shopping natalizio degli ultimi giorni!

 

 

5 from 1 reviews
Linzer Torte
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Un guscio morbido ed allo stesso tempo friabile di frolla al grano saraceno, arricchita da frutta secca tostata e dalle note aromatiche di spezie ed agrumi, racchiude un ripieno avvolgente di marmellata di lamponi o ribes. Il celebre dolce austriaco originario della città di Linz, celebre per la sua bontà e per essere il più antico al mondo.
Author:
Tipo di ricetta: Crostata, Dolci di Natale, Ricette dal mondo
Dosaggio: Per 6-8 persone
Ingredienti
  • 100 g farina "00"
  • 100 g nocciole
  • 100 g mandorle
  • 100 g farina di grano saraceno
  • 120 g zucchero di canna extrafine
  • 120 g burro freddo
  • 1 uovo
  • 1 semi di una bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • la scorza di un limone o di un'arancia non trattati
  • 8 g lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 250 g marmellata di lamponi ( oppure di frutti di bosco o ribes rosso)
  • mandorle a lamelle q.b.
Procedimento
  1. Tostare le mandorle e le nocciole in forno a 200°C (ventilato) per circa 10 minuti.
  2. Inserire la frutta secca precedentemente tostata nel boccale di un mixer munito di lame in acciaio, aggiungervi lo zucchero e azionare il la macchina per qualche minuto sino a ridurre mandorle e nocciole in farina.
  3. Unire la farina "00" e la farina di grano saraceno, il lievito per dolci, la scorza di limone, la cannella in polvere ed in ultimo il burro tagliato a tocchetti. Azionate nuovamente la macchina sino a ad ottenere un composto sabbioso ed umido.
  4. Rompere un uovo ed aggiungerlo al resto degli ingredienti. Far partire il mixer e lasciarlo lavorare fin tanto che si formi un impasto omogeneo.
  5. Avvolgere l'impasto nella pellicola alimentare e riporlo in frigorifero per circa 2 ore ( meglio ancora tutta la notte).
  6. Prelevare i ¾ dell'impasto ed utilizzarlo per foderare una tortiera del diametro di 22-24 cm ( precedentemente rivestita con carta forno), pressandolo bene in ogni angolo e formando anche i bordi.
  7. Distribuire e livellare la marmellata sulla superficie della crostata e poi ripiegare i bordi eccedenti verso l'interno.
  8. Stendere l'impasto avanzato e ricavare delle stelline di diverse misure con diversi tagliabiscotti. Sistemare le stelline sopra la marmellata.
  9. Guarnire il bordo con le mandorle a lamelle.
  10. Cuocere la linzer torte in forno preriscaldato a 170°C, in modalità statica, per circa 45-50 minuti.

 

Con l’augurio di un dolcissimo Natale, vi lascio e vi aspetto al prossimo post!

Ho tratto e leggermente modificato la ricetta di questo post dal meraviglioso blog di Enrica, che se non conoscete vi invito a sbirciare subito perché propone sempre idee golosissime!


 Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i social media, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto ed usa l’hashtag #cinnamonloverblog . Farai parte della mia gallery su Instagram! 

Continue Reading

Waffles al grano saraceno con miele e frutti di bosco [gluten-free]

Conoscete i waffles? Sono cialde (chiamate anche gaufres) diffusissime in Nord Europa e negli Stati Uniti che si cuociono fra due piastre calde ed intrecciate, leggermente croccanti fuori e morbidissime all’interno, che vengono servite a colazione con sciroppo d’acero e frutta, crema alla nocciola, miele o confettura. Diventano anche un favoloso dessert, se accompagnate da gelato, panna montata e salse varie.

Quali sono le origini di questo dolce? I primi a cuocere impasti di farina fra due piastre di ghisa furono i Greci (obleios), seguiti dai Romani (oblata, ostia). Nel Medioevo l’ostia divenne famosissima in Belgio e cominciò ad essere chiamata Gaufre ( che in francese antico significa “dolce al miele a forma di nido d’ape). Nel periodo di Carnevale veniva preparato in segno di buon auspicio e buona fortuna.  In seguito, ogni città cominciò a contendersi la miglior ricetta e le cialdiere ( fer à gaufre) iniziarono a riportare lo stemma araldico della casata nobiliare reggente. Poi in America nel 1850 gli schiavi vennero liberati e in Europa ci fu la necessità di sostituire la melassa di canna da zucchero, che divenne irreperibile. Così si cominciò ad estrarre lo zucchero dalla barbabietola: uno zucchero duro, croccante e lucido. Il Principe di Liegi chiese al suo pasticcere di fiducia di preparare un dolce per il matrimonio della figlia che fosse un emblema della città e che allo stesso tempo includesse una delle novità dell’epoca: venne allora sostituito il miele con lo zucchero e nacque quello che ancora oggi è conosciuto come il Waffle di Liegi, uno dei dolci più apprezzati del Belgio. 

A parte la storia affascinante che si cela dietro la nascita di questo dolce, i waffles sono davvero squisiti. Quello che vi propongo è un twist, una variante al classico dolce belga. Un impasto gluten-free col carattere del grano saraceno, la dolcezza del miele e la bontà dei frutti di bosco freschi e leggermente aciduli. Avete presente la famosa torta di grano saraceno altoatesina, sì quella con la marmellata di frutti rossi e quel delicato profumo di cannella? Ecco, questo waffle ne ricorda molto il sapore!

Ormai il mio brunch o la colazione del weekend non conoscono altro protagonista. E’ quello che preparo quando ho poco tempo ma ho voglia di concedermi uno sfizio. E’ il mio comfort food. E’ il dolce che subito mi fa sentire a casa. Non conosco nulla di meglio di un waffle tiepido e una tazza di caffè rovente per iniziare meglio la giornata, davvero.  La felicità è nelle piccole cose, è qui.

 

 

5 from 1 reviews
Waffles al grano saraceno con miele e frutti di bosco [gluten-free]
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Una cialda croccante fuori e morbida dentro, con il gusto deciso del grano saraceno, la dolcezza del miele e l'acidità dei frutti di bosco freschi e succosi. Naturalmente senza glutine.
Author:
Tipo di ricetta: Waffles, Dolci da colazione, Brunch, Gluten-free
Dosaggio: Per 4 porzioni
Ingredienti
  • 120 g farina di grano saraceno
  • 80 g farina di riso
  • 2 uova medie
  • 80 g zucchero di canna fine
  • 50 g burro ( oppure 40 ml olio)
  • 1 cucchiaino colmo di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 190 ml latte intero
  • 250 g frutti di bosco misti (more, lamponi, mirtilli…)
  • miele d’acacia q.b.
Procedimento
  1. Rompete le uova e separate i tuorli dagli albumi.
  2. Montate i tuorli con lo zucchero ed aggiungetevi a filo il burro fuso (oppure l’olio)
  3. Setacciate le due farine, il lievito per dolci e la cannella in polvere.
  4. Unite gli ingredienti secchi ai tuorli montati, poi amalgamateli dolcemente al composto.
  5. Aggiungete il latte poco alla volta sino ad ottenere una pastella liscia e priva di grumi.
  6. Montate gli albumi a neve ferma. Uniteli alla pastella con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare l’impasto.
  7. Preriscaldate la piastra per i waffles, seguendo le istruzioni della vostra cialdiera. Una volta ben calda, versate qualche cucchiaio di composto per ciascun waffle, richiudete la piastra e attendete qualche minuto. Quando i waffles saranno dorati, rimuoveteli con una paletta in legno.
  8. Guarnite ciascun waffle con una manciata di frutti di bosco freschi ed una generosa colata di miele d’acacia.

 

 

CONSIGLI:

Consiglio di preparare l’impasto la sera prima e di conservarlo in frigo, così avrà modo di prendere più consistenza. La mattina successiva non vi resterà che cuocere i waffles.

I tempi di cottura variano molto da piastra a piastra, potrebbero volerci pochi secondi come pochi minuti. All’inizio fate delle prove per capire come funziona la vostra. Su Amazon se ne trovano molte in commercio, di diverso prezzo e diverso formato.

Se siete intolleranti al latte, sostituite il latte vaccino con il vostro latte vegetale preferito ( quello di mandorla ci starebbe proprio bene in questa ricetta!).

Al posto della farina di grano saraceno, potete variare ed utilizzare quella integrale, di farro, di avena, oppure aggiungere anche del cacao per una versione ancora più golosa! 

 


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . Sarei felice di vedere i vostri scatti!

 

Continue Reading

Muffins salati gusto pizza senza glutine

Cari amanti del salato,

pensavate che nel mio blog mi occupassi solo di ricette dolci? Eh no, oggi infatti condividerò con voi una ricetta sensazionale, sana ma molto gustosa. Questi muffins salati irresistibili sono ideali per accompagnare un aperitivo ma sono perfetti anche per dei picnic all’aria aperta in occasione della primavera in arrivo.

Ho tratto ispirazione per questa ricetta da un video molto carino di “In cucina con Meg” (https://www.youtube.com/watch?v=v-eURW5MZh0) ma l’ho modificata secondo il mio gusto e la reperibilità degli ingredienti. Essendo muffins alla pizza gli elementi chiave sono pomodorini, mozzarella e basilico fresco, voi però potreste farcirli con olive, prosciutto, verdure e chi più ne ha, più ne metta. Capite quindi che essendo una ricetta versatile, potete personalizzarla come più vi piace!:)

Inoltre questi muffin sono senza glutine, dunque perfetti per chiunque ne sia intollerante. Pur non soffrendo di alcuna intolleranza, ho voluto sperimentare una ricetta gluten-free per poter sostituire, almeno per una volta, le farine di frumento raffinate e utilizzare quelle di cereali e di legumi, sicuramente più salutari. Non fatevi spaventare dalla lista degli ingredienti però sarà necessario utilizzare più elementi per poter dare la stessa struttura di una farina 00; il procedimento in realtà è molto semplice. Ora però, vediamo come fare!

PER 12 MUFFINS MEDI:
  • 170 g patate gialle (in purea);
  • 180 g farina di ceci;
  • 60 g farina di mais fine( fioretto);
  • 70 g farina di grano saraceno;
  • 1 cucchiaino scarso di sale;
  • 100 ml olio di semi di mais o olio d’oliva;
  • 150 ml latte;
  • 2 uova;
  • 10 g lievito per dolci non vanigliato oppure lievito per torte salate;
  • 1 cucchiaio di semi di chia( aiuteranno ad assorbire i liquidi);
  • 1 cucchiaino misto di semi di sesamo e papavero( facoltativo);
  • 1 cucchiaio di pesto;
  • 100 g pomodorini ciliegini o datterini + 5/6 pomodorini per decorazione;
  • origano q.b.;
  • qualche foglia di basilico fresco;
  • 1 scalogno;
  • 1 costa di sedano;
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato;
  • 1 mozzarella;
  • semi di girasole e zucca per decorazione( facoltativo).

 

1) Per prima cosa lessare le patate intere con la buccia per circa mezz’ora o fino a quando risulteranno morbide, dopo averle infilzate con una forchetta( scegliete patate farinose che diano allo stesso tempo struttura e morbidezza all’impasto).

2) Tritate finemente sedano e scalogno e soffriggeteli in un pentolino con un goccio d’ olio e un po’ d’acqua fino a quando saranno morbidi e ben appassiti.

3) Tagliate i pomodorini in quattro, aggiustate di sale ed aggiungetevi l’origano ed il basilico sminuzzato.

4) Pelate le patate da calde e schiacciatele in una ciotola capiente. Una volta intiepidite, proseguite aggiungendo le uova, l’olio, il latte, il sale,il pesto, i semi di chia, di sesamo e di papavero, il sedano con lo scalogno, i pomodori con il basilico ed il parmigiano. Amalgamate il tutto ed infine setacciate le farine ed il lievito e mescolate fino ad ottenere un composto piuttosto denso e consistente.

5) Tagliate dei quadrati da circa 10x10cm di carta forno e adagiateli nell’apposito stampo per muffins. Riempite i ” pirottini” così formati per metà e mettete al centro di ognuno un bel cubotto di mozzarella. Coprite la mozzarella con altro impasto, riempiendo bene gli stampi. Decorate ciascun muffin con mezzo pomodorino, un pezzetto di mozzarella, una spolverata di origano e, se volete, con qualche seme di girasole e di zucca.

6) Cuocete in forno preriscaldato a 190°C per circa 30 minuti, fate comunque la prova stecchino. Gustateveli tiepidi e fatemi sapere se vi sono piaciuti!:)

IMG_7101   IMG_7114   IMG_7107

 

Vi ricordo che mi potete trovare su Facebook e su Instagram (@gloriaturetta19), dove potete rimanere sempre aggiornati sulle novità del mio blog!!! Ciao!

 

Continue Reading