Treccia di pane al latte con sesamo

Si è aperta finalmente la bella stagione ed è tempo di picnic e scampagnate. Amo questo momento dell’anno, quando arriva l’ora di riempire il cesto di bontà, caricarlo in macchina insieme ad una coperta e partire per raggiungere una zona verde all’aria aperta, lontano dal caos cittadino della solita routine. Le giornate spensierate in campagna sono fra i ricordi migliori dell’infanzia, a mio avviso. Le corse sull’erba, la caccia alle farfalle, la crostata alle fragole tagliata a cubotti con cui mamma riempiva i tupperware ed infine io che mi stendevo sul prato ad occhi chiusi per assaporare il sole sulla pelle: sono tutte immagini ancora vivide nel mio immaginario.
 Ho organizzato un bel picnic in giardino, insieme a tutta la famiglia, giusto qualche giorno fa e per l’occasione ho preparato questa morbidissima treccia di pane al latte utilizzando la farina “0” del Molino Cosma, una farina adatta ai lievitati per il suo alto tenore proteico. Di questo mulino e della sua filosofia vi ho già parlato in dettaglio nel racconto di #moliniaporteaperte che vi invito ad andare a leggere nel caso in cui non l’aveste ancora fatto. Comunque, ne è venuto fuori un pane super versatile che in cottura sprigiona un profumo tale da trasformare la cucina in un panificio. Il gusto e la consistenza assomigliano quasi a quelli di una brioche, tanta è la morbidezza. Ed è facilmente digeribile, per via della presenza di poco lievito di birra: toccandolo risulta leggero come una piuma. Credetemi se vi dico che è quel genere di pane che mangeresti fetta dopo fetta, senza mai averne abbastanza. 
Accompagna magnificamente un tagliere di salumi e formaggi ed è ottimo pure a colazione con la marmellata. Ve lo propongo perché è una di quelle ricettine passpartout, quelle facili e con pochi ingredienti che possono tornare sempre utili e che rischiano seriamente di diventare un cavallo di battaglia. O almeno per me così è stato!

5 from 1 reviews
Treccia di pane al latte con sesamo
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Una ricetta semplice, pochi ingredienti e tutta la qualità della farina "0" del "Molino Cosma". Ecco la treccia di pane al latte con semi di sesamo, dalla texture morbidissima ed un gusto simile a quello di una brioche. Facilmente digeribile per la presenza di poco lievito tanto che una fetta tira l'altra!
Author:
Tipo di ricetta: Pane, Lievitati, Panificazione
Dosaggio: Per una treccia da 900 g
Ingredienti
  • 520 g farina di tipo "0" del Molino Cosma
  • 300 ml latte intero
  • 50 ml olio extra vergine di oliva
  • 60 g zucchero
  • 7 g sale fino
  • 3 g lievito di birra secco
  • semi di sesamo q.b.
Procedimento
  1. In una ciotola capiente, inserire la farina, lo zucchero, l'olio ed il lievito. Dalla parte opposta della ciotola (in modo che non venga in contatto con il lievito), versare il sale.
  2. Scaldare il latte in un pentolino posto su fiamma bassa fino a portarlo a 30-40°C ( a temperatura ambiente circa).
  3. Versare il latte a poco a poco nella ciotola e amalgamare gli ingredienti con un cucchiaio. Proseguire trasferendo l'impasto su una spianatoia leggermente infarinata e impastare vigorosamente per almeno 15 minuti.
  4. Trasferire l'impasto nella ciotola e porlo a lievitare per 2-3 ore o comunque fino al raddoppio in volume.
  5. Una volta lievitato, dividere l'impasto in 3 parti uguali e formare 3 filoncini.
  6. Formare una treccia a tre capi.
  7. Porre a lievitare il pane ancora per 45 minuti.
  8. Spennellare la treccia con poco latte e cospargerla con i semi di sesamo.
  9. Cuocere in forno preriscaldato statico a 200°C per 25-30 minuti. Una volta ben dorato, il pane è pronto. Lasciare che si intiepidisca prima di tagliarlo a fette.

 

           In collaborazione con:             

La presenza di poco lievito di birra rende il pane più soffice e digeribile ma ciò comporta una lievitazione un po’ più lunga. Se volete accorciare i tempi, potete aumentare la quantità di lievito.
La treccia di pane al latte si conserva morbida in un sacchetto di plastica oppure avvolta nella pellicola alimentare per circa 2-3 giorni. E’ ottimo a colazione, leggermente tostato, accompagnato da marmellate o confetture.

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i social media, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto ed usa l’hashtag #cinnamonloverblog . Farai parte della mia gallery su Instagram! 

Continue Reading

Kringle estone al miele, noci e cannella

“Oh the weather outside is frightful, but the fire is so delightful and since we’ve no place to go let it snow, let it snow, let it snow! ” 

Manca davvero pochissimo a Natale, chissà se sarà un bianco Natale! Beh per ora di neve non se ne è proprio vista! In compenso si può dire che è arrivato il freddo, quel freddo invernale che ti gela le punte dei piedi, che ti fa arrossire le guance e che ti fa venire voglia di rifugiarti all’interno al calduccio a sorseggiare cioccolata calda e a mangiare brioches.

Già perché oggi voglio parlarvi proprio di brioches! Ma non di una brioche qualunque. Parlo del kringle estone. Questa brioche dalla forma circolare che ricorda una sfarzosa ghirlanda è tipica del Nord Europa dove “Kringle” in norvegese significa appunto “chiocciola”. L’impasto viene farcito, arrotolato ed intrecciato e poi gli viene data la forma tonda finale. Il risultato è una brioche sofficissima, deliziosamente profumata e leggermente croccante in superficie per merito della caramellizzazione dello zucchero nella farcia e arricchita dal sapore delle noci. Ho pensato di proporvela proprio perché la forma ricorda proprio quella di una ghirlanda che, se decorata con un fiocco, può trasformarsi in un regalo DIY molto goloso per le feste. Ogni variante è comunque lecita, potete farcirla di marmellata, gocce di cioccolato o crema ma è Natale e ormai sapete quanto io ami le spezie, specialmente in questo periodo.

Come ogni preparazione lievitata anche questo Kringle richiede un minimo di pazienza che il lievito agisca ma a parte questo, non è una ricetta complessa. Il profumo alla fine vi ripagherà dell’attesa. Sapete poi cosa dovete fare? Scaldate l’acqua, preparatevi una bella tazza di tea, lasciate da parte ogni pensiero, sedetevi e assaporate una fetta di questo dolce squisito. Ormai è fino anno, direi che ce lo siamo meritati!

Ingredienti per la brioche

300 g farina 0

120 ml latte

30 g burro

1 cucchiaio di miele d’acacia

1 uovo intero

3 g lievito di birra secco

scorza di mezza arancia o di limone non trattati

Per la farcitura

50 g burro

2 cucchiai di zucchero semolato

2 cucchiai di zucchero integrale di canna o zucchero muscovado scuro

1 cucchiaino scarso di cannella in polvere

50-60 g noci (già private del gheriglio)

latte per spennellare q.b.

miele d’acacia q.b per lucidare

1) In una ciotola capiente versate la farina, l’uovo, la scorza d’arancia, il miele e il lievito di birra secco ( se usate quello fresco abbiate cura di scioglierlo nel latte tiepido prima di aggiungerlo al resto degli ingredienti). Unite il latte tiepido e cominciate ad impastare fino a formare una palla. Trasferite l’impasto su di una spianatoia e lavoratelo energeticamente per una decina di minuti. Incorporate il burro poco per volta, aggiungendone ancora non appena il precedente è stato completamente assorbito. Formate una palla e ponete l’impasto in una ciotola leggermente unta; coprite con pellicola per alimenti e lasciate lievitare in un luogo caldo per 1 ora e mezza/ 2 ore o comunque fino al raddoppio.

2) Per la farcitura alla cannella, versate in una ciotola il burro morbido, gli zuccheri e la cannella in polvere e amalgamate bene con un cucchiaio fino a formare una pasta densa. A parte, rompete le noci e tritatele grossolanamente.

3) Avvenuta la prima lievitazione, rovesciate l’impasto all’arancia sul piano di lavoro e stendetelo con l’aiuto di un mattarello formando un rettangolo delle dimensioni di circa 30×40 cm. Spalmate la crema al burro e cannella su tutta la superficie e distribuite le noci. Avvolgete su se stesso l’impasto e arrotolatelo dal lato lungo. Ottenuto un rotolo, incidetelo e tagliatelo a metà nel senso della lunghezza. Intrecciate le due metà e chiudete le estremità formando una sorta di ghirlanda.

4) Trasferite il vostro kringle su una teglia, copritelo con pellicola e lasciate lievitare per altri 60 minuti.

5) Spennellate il lievitato con poco latte o panna e infornate in forno preriscaldato statico a 180°C ( o ventilato 160°C) per 30 minuti.

6)  Sfornate il kringle e lucidatelo con poco miele d’acacia che avrete precedentemente sciolto sul fuoco. Lasciate intiepidire e servite.

dpp_0615

dpp_0616

Buone feste!

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog 

 

Continue Reading

Pane alla zucca

La ricetta che apre la nuova stagione non potrebbe essere più autunnale di così! L’autunno in genere è la stagione delle novità, dei cambiamenti, dei nuovi inizi. E’ la stagione dai morbidi colori caldi, delle serate con le copertine davanti a un buon libro e una tazza di tea fumante, delle torte di mele appena sfornate, delle lunghe passeggiate nei boschi in cerca di castagne e funghi. E’ anche la stagione della zucca. Un ortaggio estremamente versatile, adatto alla preparazione di dolci e salati.

Ve lo avevo già raccontato che in questo periodo sono particolarmente in vena di fare il pane! Mi piace impastare e vedere l’impasto crescere sotto il canovaccio. Con le prime zucche dell’orto ho voluto preparare proprio un pane, soffice all’interno e croccante all’esterno, dallo spiccato colore giallo. Lo avevo già preparato in passato ma avevo dovuto aggiungere la curcuma per ottenere il colore sperato. Il segreto invece, è utilizzare la polpa della zucca mantovana che è poco acquosa e molto arancione, il che permette di ottenere un pane dal colore vivace e brillante sfruttando unicamente il pigmento naturale presente nell’ortaggio.

Il tocco da maestro in questa ricetta però consiste nella legatura del pane! Utilizzando del semplice spago da cucina otterrete un pane dalla forma che assomiglia proprio a quella di una vera zucca. Un trucchetto facile con il quale ottenere un risultato davvero originale! Perché si sa: si mangia prima con gli occhi! Segnatevela allora questa ricetta, che Halloween è vicino! Non si sa mai, quest’anno potreste aver voglia di portare in tavola lo scherzetto invece del dolcetto…

dpp_0392

dpp_0425

Per 2 forme di pane da circa 800 g l’una:

800 g farina 0 (ideale per pane e pizza)

200 g farina manitoba

3 cucchiaio olio extravergine di oliva

700 g purea di zucca mantovana

12 g sale

2 cucchiaini di zucchero semolato

3 g lievito di birra secco ( oppure 10 g lievito di birra fresco)

salvia e rosmarino

dpp_0375

dpp_0426

dpp_0409

dpp_0410

1) Sbucciate e pulite la zucca, tagliatela a pezzi e cuocetela a vapore con le erbe aromatiche fino a che diventerà morbida. Rimuovete gli odori e frullate la zucca in un mixer fino ad ottenere una purea omogenea.

2) In un ciotola capiente versate le farine, il lievito, lo zucchero, l’olio e dal lato opposto il sale. Aggiungete la purea di zucca oramai tiepida e amalgamate bene tutti gli ingredienti. Trasferite l’impasto su di una spianatoia infarinata e impastate vigorosamente per 10-15 minuti. Dovrete ottenere un impasto morbido, elastico e liscio ma non appiccicoso. Dopodiché trasferite l’impasto nuovamente nella ciotola, sigillate con pellicola trasparente e mettete a lievitare per 4-5 ore nel forno spento con la luce accesa, oppure in qualsiasi altro luogo caldo e al riparo dagli spifferi. Il volume dovrà quasi triplicare.

3) Rovesciate l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato e dividetelo in due parti uguali. Con ciascuna metà formate una palla, pirlate l’impasto e legatelo in modo tale da formare 8 spicchi ( oliate lo spago da cucina, sarà più facile rimuoverlo in seguito). Spolverate la superficie con poca farina e coprite nuovamente l’impasto con un canovaccio umido. Lasciatelo lievitare un’altra ora.

4) Preriscaldate il forno in modalità statica a 200°C. Spennellate il pane di zucca con poco olio di oliva e infornate per 10 minuti. Abbassate la temperatura a 180°C e proseguite la cottura per circa altri 25 minuti. Verificate che il pane sia cotto picchiettando il fondo e accertandovi che produca un suono cavo.

5) Lasciate raffreddare il pane di zucca su una gratella per dolci. Prima di tagliarlo, rimuovete lo spago da cucina con una forbice.

Per una migliore riuscita del vostro pane vi consiglio di spruzzare dell’acqua sulla superficie della pagnotta nel momento in cui la state infornando. Otterrete così una crosta più croccante e una maggiore crescita in forno!

Se ne avanza, conservatelo in un sacchetto di plastica. Si mantiene morbido per 2-3 giorni. Potete eventualmente tagliarlo a quadrotti e tostarlo in forno a 200°C con un filo d’olio e poca noce moscata. Otterrete degli ottimi crostini per accompagnare una calda zuppa autunnale!

 

dpp_0421

 

dpp_0386

dpp_0380

Recipe courtesy by Gabriele Bonci

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog. 


SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

PUMPKIN BREAD

dpp_0385

Autumn has become one of my favourite parts of the year. When I was a child I couldn’t really see the beauty of this season because it used to correspond with the beginning of a brand new school year. Now I actually appreciate it. I can see the nature changing its habits. I can see the warm sun shining and lighting up the thousands falling leaves. Every single moment captures my attention and I cannot help admiring all the things that make this season so special and unique.

For me Autumn is all about cosy afternoons in front of a good book and a steming hot cup of tea, freshly baked apple pies cooling down on the counter and spreading their heavenly smell of cinnamon all over the house, long strolls into the woods in search of mushrooms and chestnuts.  Last but not least Autumn is about pumpkin! I love pumpkin for its sweetness and its bright and vibrant color. It simply makes the perfect ingredient for both sweet and savoury recipes!

Since it’s finally Autumn I thought it would have been nice to be able to use pumpkin into one of my bakes. Currently I’ve been in a kind of bread mood so I’ve decided to bake a pumpkin loaf. This autumnal vegetable doesn’t modify consistently the overall flavour of bread instead it gives it a marvellous yellow hue and an incredible tenderness.

As you can see I also tied my bread just with some simple butcher’s twine before proving it. The result is a loaf that pretty much resembles a real pumpkin, you know…. just to give it a much more fancy look! It simply makes the perfect edible centrepiece for the upcoming autumnal dinners at home and why not… even for Halloween!

Ingredients for two 800 g loaves:

1 kg white strong bread flour + a little more flour for dusting

3 tbsp extra virgin olive oil

700 g pumpkin purée

12 g salt

2 tsp caster sugar

3 g instant dry yeast ( 10 g if you use fresh yeast and you’ll need to dissolve it into a bit of warm pumpkin purée)

sage and rosemary

1) Peel, remove the seeds and dice your pumpkin. Steam it with some sage and rosemary until it becomes really tender. Add the cooked pumpkin in a food processor after removing the herbs and purée it. Let it cool down just a little bit.

2) In the meantime, weight out your flours in a large bowl, add salt, sugar, dry yeast, olive oil and finally even the warm pumpkin. Combine these ingredients with a spoon until you form a dough, then tip the dough out onto a lightly floured working surface and knead vigourosly for at least 10 to 15 minutes. You must get a smooth and elastic bread dough. Put the dough back into the bowl, previously oiled, and cover it with some cling wrap. Let it rise for 4-5 hours in a warm place.

3) Flip the dough over the working surface, divide it into two parts and form them into two balls. Now tie each loaf with some butcher’s twine, as you can see in the pictures. Cover each loaf with a damp tea towel and prove for 1 hour. At the end you’ll see the loaf will look just like a pumpkin.

4) Preheat the oven to 200°C/ 393°F. Brush your pumpkin bread with some olive oil and pop it into the oven. Bake it for 10 minutes. Lower the temperature to 180°C/ 356°F and bake it for another 25 minutes. Tap it gently underneath; it should sound hollow. Turn it onto a wire rack to cool down and cut through the butcher’s twine.

Store your pumpkin bread in a plastic bag for 2-3 days. If you want, you can dice it and toast it in the oven with a little drizzle of olive oil and a pinch of nutmeg. Use these croutons to top off your hearty autumnal soups!

I hope you enjoyed this recipe and if you did, don’t forget to leave a comment below and follow me on social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

If you decide to make one of my recipes, take a nice picture and tag me on Instagram with the hashtag #cinnamonloverblog . I’ll be delighted to see your bakes!

 

 

Continue Reading