Spaghetti alla chitarra al pesto di zucchine

I piatti che mi riescono meglio sono quelli in cui le verdure di stagione diventano le protagoniste indiscusse. Il pesto poi l’adoro, sin da quando ero piccola. Lo puoi preparare in anticipo, lo puoi congelare ed utilizzarlo quando ti serve, ci puoi condire la pasta, l’insalata, lo puoi spalmare su crostini, pizze, focacce o bruschette oppure puoi mangiarlo anche da solo, a cucchiaiate ( e confesso che lo faccio spesso…). Il pesto diventa una salsa originale per dei finger food ad un buffet, è un ottimo compagno di stuzzichini agli apericena ma può essere anche l’arma vincente di un piatto unico. L’ho provato in tanti modi, da quello classico di basilico fresco, a quello di pomodori secchi e mandorle, di peperoni rossi e gialli ed infine l’ultima “new entry”, il pesto di zucchine. Un rivelazione! Un asso nella manica, quando hai tante zucchine da smaltire e poco tempo a disposizione! Le zucchine poi sono un ortaggio versatile, diuretico ed ipocalorico che si presta a tantissime possibilità e varianti. A casa mia è piaciuto parecchio e quando una cosa ci piace, va a finire che la preparo anche 2 o 3 volte alla settimana e che la ripropongo in millemila declinazioni. Dato che è tempo di conserve, ne ho già fatto scorta; il prossimo inverno sarà il mio alleato contro il grigiume e la nebbia della Pianura Padana e mi farà tornare alla mente i profumi e i colori mediterranei dell’estate!

Zucchine, parmigiano grattugiato, mandorle o pinoli e un poco di olio extra vergine buono, pochi ingredienti per un risultato gustoso, delicato e salutare. Un sughetto veloce da abbinare a dei fantastici spaghetti alla chitarra. Un primo piatto green fatto apposta per i pranzi estivi. Provatelo ed innamoratevene anche voi! Fatemi sapere il vostro parere e se avete idee per altri pesti sfiziosi, io sono tutta orecchi! Spread the word … & pesto as well!

 

 Ingredienti per 4 persone:

320 g spaghetti alla chitarra 

450 g zucchine

45 g mandorle o pinoli

10 g basilico fresco (una quindicina di foglie circa)

sale e pepe q.b.

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

15 g pecorino grattugiato

15 g parmigiano grattugiato

1 e 1/2 spicchio d’aglio

1) Pulite e tagliate le zucchine a cubetti, poi rosolatele in padella insieme a uno spicchio d’aglio e ad un filo d’olio evo per qualche minuto ( non dovranno cuocere completamente ma prendere semplicemente il profumo dell’aglio).

2) Nel boccale di un mixer inserite le mandorle insieme a mezzo spicchio d’aglio e azionate la macchina fino a ridurre le mandorle ad una polvere sottile.

3) Inserite in seguito le zucchine, il parmigiano, il pecorino, l’olio evo e le foglie di basilico. Aggiustate di sale e pepe e frullate il tutto per qualche istante fino ad ottenere la consistenza di un pesto.

4) Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione. Scolateli al dente.

5) Versate il pesto nella padella, aggiungetevi gli spaghetti e un mestolo di acqua di cottura della pasta e fate saltare per qualche secondo, amalgamando il tutto.

6) Servite subito e guarnite con una macinata di pepe ed un ciuffetto di basilico fresco in cima.

 


 

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . Sarei felice di vedere i vostri scatti!

Continue Reading

Cheesecake gelato ai lamponi su stecco

Ultimi giorni d’estate, quelli di fine Agosto. Le vacanze sembrano volgere al termine così come gli ultimi raggi di sole della giornata vengono inghiottiti sempre prima dal tramonto. 

Vorrei poter fermare il tempo, anzi no! Vorrei poterlo riavvolgere come il nastro delle vecchie videocassette e premere play un’ultima volta prima di tornare alla vita di tutti i giorni. Ma le stagioni devono fare il loro corso e va bene così, in fondo questa ciclicità è uno degli aspetti più affascinanti della natura. Intanto però, questi ultimi giorni di sole me li godo, all’insegna del relax, piscina e dato che le temperature sono ancora decisamente alte, mi concedo ancora qualche goloso gelato.

Quello che vi propongo oggi è un mix fra un ghiacciolo e un cheesecake. In pratica, ho ripreso gli stessi ingredienti di un classico cheesecake alla frutta e li ho messi in stampi da mettere in freezer. Il risultato? Estremamente sorprendente dal mio punto di vista! Amando il cheesecake, non potevo che amare anche la versione gelato! Pregio in più di questa ricetta, velocissima da eseguire, è che ne ho fatto in gran quantità, li ho incartati singolarmente e li ho messi nel cassetto del freezer. Ogni volta che ne avrò voglia avrò già il mio dessert pronto ad aspettarmi, senza dovermi mettere ad imbrattare la cucina! 

DPP_0253

DPP_0250

Per 6 ghiaccioli

125 g lamponi freschi

120 g Philadelphia

125 g yogurt alla vaniglia

2 cucchiai di sciroppo d’agave

60 g biscotti integrali

25 g burro

1 cucchiaino di miele

1) Sciacquare e asciugare delicatamente i lamponi, poi frullarli in un food processor fino ad ottenere una purea omogenea. Passare il composto attraverso un setaccio per rimuovere i semini e poi mettere la purea da parte.

2) In una ciotola, inserire il formaggio spalmabile insieme allo yogurt e allo sciroppo d’agave e combinare gli ingredienti con una frusta per pochi secondi. Mettere da parte.

3) Per il fondo biscottato, tritare finemente i biscotti in un mixer. Versare un cucchiaio scarso di biscotti nel composto di formaggio. A parte in un pentolino, sciogliere il burro a fiamma bassa ed unirlo ai biscotti sbriciolati rimanenti insieme al miele. Mescolare il composto di biscotti.

4) Comporre i cheesecake gelato in questo modo: negli stampi per ghiaccioli versare prima poca purea ai lamponi, poi uno strato generoso di composto al formaggio e poi sbattere leggermente gli stampi sul piano di lavoro per rimuovere eventuali bolle d’aria. Infine distribuire uno strato di biscotti, pressandoli delicatamente con il dorso di un cucchiaio.

5) Inserire uno stecco in legno in ciascun cheesecake e mettere gli stampi in freezer per minimo 4 ore o meglio ancora per tutta la notte prima di servire.

Una volta congelati, vi consiglio di passare gli stampi sotto un getto di acqua calda, per pochi istanti, in modo da facilitare l’estrazione dei ghiaccioli. Avvolti singolarmente nella carta stagnola, si conservano in freezer per 8 settimane.

 

DPP_0311

DPP_0220

DPP_0249

DPP_0221

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!


SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

RASPBERRIES CHEESECAKE POPSICLES

DPP_0312

Summer is eventually coming to an end. I’m currently enjoying the last rays of sunshine and the remaining holiday break, spending these last few days chilling by the pool and eating ice cream. According to me, one of the biggest pleasure of summer is ice cream indeed. Very soon though, ice cream will be replaced by comforting mugs of hot chocolates and steaming cups of tea and there will no longer be trace of summer in sight. Sometimes I wish I could freeze time but then I realize that the cycle of seasons is part of the beauty of nature itself and it cannot be stopped.

As long as I can, though, I still sit in the backyard and I quietly listen to the birdies’ tweets, I play with my cat on the grass and I indulge on some very summery treats as the one I’m sharing with you today.

Cheesecake is definitely one of my favourite desserts on earth! I basically love it and most of the times I go for no baked ones just because they are easier and quicker to make. I’ve tried so many flavours so far but this time I’ve kept it simple. Yes, a simple but scrumptious raspberries cheesecake served frozen in a popsicle shape. The great thing is that they will last up to 8 weeks in the freezer, wrapped up safely in parchment paper. 

Serves: 6

125 g raspberries (fresh or frozen)

120 g cream cheese

125 g plain vanilla yogurt

2 tbsp agave or maple syrup

60 g of wholewheat biscuits ( Digestive biscuits will work just as fine)

25 g unsalted butter

1 tsp honey

1) First of all, rinse the raspberries and pop them into a food processor. Blend them until you get a nice puree, then pass the mixture through a sieve in order to get rid of any seed. Set aside.

2) In a small bowl add the cream cheese as well as the yogurt and the agave syrup. Whisk them together until nice and smooth. Set it aside too.

3) Crush the biscuits with a rolling pin or in a food processor and add a tablespoon of crumbs into the cream cheese mixture. Melt the butter over a low heat and mix it with the remaining crushed biscuit and the honey until it resembles wet sand.

4) Now pour a thin layer of raspberries purèe into the popsicles molds, then add a generous layer of cream cheese mixture and bang the molds on the table to make sure there is no air pockets. Finish it off with a third layer of crushe biscuits. Put a wooden stick into each popsicle and place the molds in the freezer for at least 4 hours or preferably overnight.

!!! Run he molds under warm water to loosen up the posicles.

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

 

Continue Reading

Zuppa tiepida di pomodori al forno e burrata

Quando a Maggio io e madre abbiamo piantata una lunga fila di piante di pomodori il nostro progetto era uno solo: riuscire a produrre tutta la passata per l’inverno interamente con gli ortaggi che ci eravamo coltivate. Tutto bio, tutto a km 0, tutto interamente cresciuto e raccolto con amore. Ora siamo ad Agosto, i frutti del nostro lavoro ci stanno regalando tanta soddisfazione ed è finalmente ora di conservare il profumo ed il calore dell’estate in comodi barattolini di vetro. Mia madre ha sempre fatto la conserva di pomodoro, sin da quando ero bambina. A volte faceva anche le marmellate di pesche e di albicocche, altre ancora preservava lo splendido sapore delle melanzane, mettendole sott’olio. Mi è sempre piaciuto osservarla e vederla accaparrarsi scorte alimentari per l’inverno che dovevano durare per i freddi mesi seguenti.

In estate i colori e i profumi degli ortaggi sono talmente incredibili, che infatti sarebbe un vero peccato poterne godere per soli tre mesi.

Dal momento che però di pomodori in orto ce ne sono proprio tanti, non posso negarmi di sfruttare tutto il loro sapore inconfondibile proprio ora che sono belli freschi e di stagione. Vada per una zuppa. Si ma tiepida però, dato che il caldo non da tregua! Un procedimento diverso dal solito che permetterà ai pomodori di sprigionare tutto il loro inconfondibile sapore. Ad accompagnare, un po’ di burrata, un filo d’olio extravergine e tante foglioline di basilico profumato. Una specie di “twist” della classica “Caprese” in versione primo piatto, come piace definirla a me. Mamma mia, ho già l’acquolina in bocca!

DPP_0088

DPP_0188

DPP_0160

DPP_0165

Per 2 persone:

1 kg pomodori ramati  maturi (circa 6-7)

1/2 spicchio d’aglio

un mazzetto di basilico fresco

qualche rametto di timo

origano secco

olio evo e sale q.b.

125 g burrata

1) Mettete a bollire una pentola d’acqua e nel frattempo sciacquate i pomodori. Sbollentate i pomodori per 2-3 minuti, poi estraeteli dalla pentola e spellateli con l’aiuto di un coltello.

2) Tagliateli in quarti e poneteli su una teglia da forno. Condite con abbondante olio, sale ed origano ed infornate a 220°C per 25-30 minuti.

3) Quando i pomodori saranno leggermente abbrustoliti, sfornateli e metteteli in un mixer munito di lame in acciaio insieme con il basilico, il timo, l’aglio e qualche cucchiaio d’olio. Aggiustate di sale e frullate il tutto.

4) Servite la zuppa tiepida e completate con poca burrata sfilacciata, un filo d’olio e un bel ciuffo di basilico.

 

DPP_0194

DPP_0162

DPP_0163

 

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!


SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Warm tomato soup with burrata and basil

DPP_0273

Great Italian flavours combined to make a simple but delicious soup!

Tomatoes are definitely my own favourite vegetable and they’re also a staple in the Italian cuisine. In late August my mum and I usually preserve the amazing flavour of fresh tomatoes in order to have a huge stock for the upcoming winter. Since I was a child, my mum taught me how to cook tomatoes and turn them into a yummy sauce ready to be bottled, sterilized and kept in the cupboard for the next few months. It’s a tough job, so when we make it, we always make a great batch, of course! The special thing is that this year we can finally make it with the organic homegrown tomatoes of our own vegetable garden and I must say, we are pretty proud about that!

The harvest has been generous so far so I’m constantly looking for new ideas to use veggies and tomatoes are not just good for sauce. You can make tasty salads, pasta dishes or soups, as in this case. The warm soup served with some cold burrata gives you this lovely contrast and the fresh basil takes it to a whole new level! This is a meal to die for!

For 2 people

1 kg ripe tomatoes ( roughly 6-7)

1/2 clove of garlic

a few leaves of fresh basil

a sprig of thyme

oregano ( fresh of dry)

extra virgin olive oil, pepper and salt

125 g burrata

1) Fill a large pan with some water and put it over a medium heat. Rinse your tomatoes and blanch them in the boiling water for about 3-4 minutes. While they’re still hot, carefully peel them and cut them in quarters.

2) Place the tomatoes on a baking tray and season them with plenty olive oil, salt and oregano. Pop them in a preheated oven at 220°C for 25-30 minutes or until nicely roasted.

3) Once ready, put them in food processor, add some basil leaves, some thyme leaves and the garlic and blend everything together. Season with some oil, pepper and salt.

4) Serve the soup warm and garnish with some burrata, broken into pieces on top, an extra drizzle of oil and some basil.

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

 

 

Continue Reading

Cous cous alle melanzane, olive taggiasche e menta

Un piatto fresco e leggero per l’estate? Quello che cercate è proprio qui davanti ai vostri occhi! Ho scoperto il cous cous solo di recente e me ne sono innamorata! Ottima alternativa alla solita insalata di riso o alla pasta fredda, il cous cous si presta benissimo ad essere preparato in anticipo e conservato fino al momento del servizio. Si prepara in pochi istanti e può essere arricchito da moltissime combinazioni di ingredienti.

Quella che vi propongo oggi però è nata dalla necessità di smaltire le innumerevoli quantità di melanzane biologiche che sta producendo l’orto in questo periodo! Ultimamente ne raccolgo davvero tante! Eh già! A forza di preparare parmigiane ed involtini però, mi son detta che era ora di sperimentare qualcosa di diverso! E almeno per questa volta… esperimento riuscito! 

Un piatto unico sano, vegetariano e vegano, ideale per chi non vuole rinunciare al piacere di un pasto fatto con le proprie mani, anche avendo poco tempo a disposizione !

DPP_0143

DPP_0064

DPP_0067

 

Per 4 persone

280 g cous cous

2 melanzane

2 cucchiai di capperi sott’olio

1 spicchio d’aglio

30 g di olive taggiasche denocciolate

olio evo e sale q.b.

qualche foglia di menta fresca

280 ml acqua bollente

1) Per cominciare, versate il cous cous nell’acqua insieme a un cucchiaino scarso di sale e un filo d’olio d’oliva e coprite con un coperchio per 5 minuti.

2) In una padella calda versate qualche cucchiaio d’olio e lo spicchio d’aglio schiacciato e lasciatelo soffriggere, senza però bruciarlo. Ora inserite le melanzane tagliate a cubetti e fate rosolare per bene, mescolando continuamente fino a quando saranno morbide e ben cotte. Aggiustate di sale le melanzane e unitevi anche i capperi e le olive taggiasche e fate saltare ancora qualche minuto. Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

3) Nel frattempo, sgranate il cous cous con una forchetta e trasferitelo nella padella e amalgamatelo bene con il condimento. Tritate finemente le foglie di menta e terminate cospargendovi il cous cous.

Perché proprio le olive taggiasche?

Originarie della zona ligure, precisamente della zona di Imperia, le olive taggiasche sono la varietà più conosciuta e rinomata al mondo, dalle quali viene estratto il pregiato olio ligure. Leggermente dolciastra, l’oliva taggiasca si sposa molto bene con il sapore amarognolo della melanzana e con la freschezza della menta.

DPP_0151 DPP_0105

DPP_0066

DPP_0149

 

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!


SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Couscous salad with eggplants, black olives and fresh mint

DPP_0066

I love salad and I love couscous, so I said to mself: -” Why not preparing something than combines both of them?”- Here’s where this recipe comes from! And I must say it was a huge success in my family!

The freshly homegrown produce this year is pretty generous, so I have to get rid of many organic vegetables that sit in my fridge as soon as possible. In this case, I used eggplants and eggplants work so well with olives and mint!

Couscous doesn’t even need to be cooked so this is an absolutely foolproof recipe that you’ll prepare in the blink of an eye! Healthy, vegetarian and vegan: the summer meal is served!

For 4 peoplE

280 g cous cous

2 medium eggplants

2 tbsp of preserved capers

1 clove of garlic

30 g black olives

extravirgin olive oil and salt

a few leaves of fresh mint

280 ml boiling water

1) Pour your lightly salted boiling water over your precooked couscous along with a tablespoon of olive oil, cover with a lid and let it swell for five minutes. Then fluff it up with a fork and set aside.

2) In the meantime, dice your eggplants with a large knife. Add the garlic to a hot frying pan along with a little splash of olive oil, then add your diced eggplants and keep stirring until they are nice and tender, occasionally adding a few spoonfuls of water. Once the eggplants are fully cooked through, turn the stove off. Season them with salt and pepper.

3) In a bowl add the coucous, the eggplants, some capers, the black olives and stir everything together, add a little splash of oil and sprinkle some finely chopped mint leaves on top.

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

Continue Reading

Gelato alla menta e cioccolato fondente

Metti di ritrovare la vecchia gelatiera vintage che riposava mestamente negli angoli del sottoscala. Ecco poi metti anche di accorgerti che la pianta di menta piperita sta crescendo a dismisura. Aggiungici infine il caldo quasi insopportabile di questi giorni. Ecco unisci tutto questo e vedrai che non esiste più alcuna ragione per la quale non fare il gelato!

Come vi ho già anticipato, oggi ricetta del gelato menta e cioccolato! Un gusto classico, intramontabile, rinfrescante. Un gusto che mi riporta subito all’infanzia dato che era quasi sempre quello che finiva nelle coppette della gelateria quando io e le mie sorelle eravamo bambine. Non c’era volta che si potesse rimpiazzare con il cioccolato, l’amarena, il pistacchio. No, ciocco-menta era sempre il gusto prediletto. Poi siamo cresciute, io ho assaggiato decine e decine di altri gusti, mia sorella invece è sempre rimasta fedele al caro vecchio evergreen, nel vero senso del termine. Preparando questo gelato ho finalmente fatto contenta anche lei!

La procedura per realizzarlo è semplice, basta solo osservare i pochi passaggi che ho elencato sotto e poi versare tutto nella gelatiera. Ah ecco che arriva la temuta domanda: -” E se non ho la gelatiera?“- Niente paura! Procedete allo stesso modo e poi mettete il composto in freezer per 4-5 ore, premurandovi di rimestare con una forchetta ogni mezz’ora durante le prime due ore di congelamento, rompendo così i cristalli di ghiaccio che potrebbero formarsi.  Se invece avete la gelatiera ma non la usate mai, beh …vi assicuro che è proprio arrivato il tempo di rispolverarla!

DPP_0059

DPP_0139

PER CIRCA UNA VASCHETTA di gelato DA 700 G

500 ml latte fresco intero

250 ml panna fresca

85 g zucchero semolato

5 tuorli d’uovo

100 ml sciroppo di menta

100 g cioccolato fondente ( almeno 60-70% di cacao minimo)

20 g foglie di menta fresca ( facoltativo, non è necessaria però accentua il sapore finale)

1) Mettete a scaldare il latte, la panna e le foglie di menta in un pentolino a fiamma media. Quando il liquido sfiorerà il bollore, spegnete il fornello e lasciate le foglie in infusione per 15 minuti.

2) Nel frattempo, montate i tuorli con lo zucchero. Filtrate il latte, rimuovendo le foglie di menta e versatelo all’interno dei tuorli, mescolando di continuo. Riportare il tutto su fuoco medio e mescolate costantemente fino a portare il composto alla temperatura di 85°C, non un grado di più altrimenti le uova coaguleranno ( se non avete un termometro il composto sarà pronto quando velerà il dorso di un cucchiaio, proprio come in una crema inglese).

3) Raggiunta la temperatura, mettete subito il pentolino all’interno di una bacinella con acqua e ghiaccio per raffreddarlo velocemente. Aggiungete lo sciroppo di menta e continuate a mescolare. La base del gelato è ora pronta. Mettetela in una ciotola e ponetela in freezer per mezz’ora.

4) Versate la base del gelato all’interno del cestello della gelatiera e azionate le pale per circa 40 minuti. Io ho una gelatiera un po’ datata, però ha un sistema di refrigeramento incorporato perciò non devo metterla in freezer un giorno prima, voi comunque seguite le istruzioni della vostra gelatiera. Il gelato è pronto quando avrà raggiunto consistenza e sarà ben mantecato. A questo punto, estraete il cestello e mettetelo in freezer per un’ora.

5) Fondete il cioccolato fondente a bagnomaria e cominciate a stratificare: in uno stampo da plumcake o in una vaschetta in plastica, stendete uno strato di gelato, poi del cioccolato, poi di nuovo il gelato e così via fino al termine degli ingredienti. Mettete la vaschetta in freezer per almeno tre ore o meglio ancora per tutta la notte prima di gustarlo.

Cono o coppetta, la scelta è vostra! Sono sicura però che non riuscirete a resistere ad una pausa così golosa e rinfrescante!

DPP_0061

DPP_0062

DPP_0056

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

 

SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

CHOCOLATE CHIPs AND MINT ICE CREAM

DPP_0140

When I was a child I loved going out on summer evenings and ride my bicycle towards the nearest ice cream shop. My sister and I used to choose the same flavour. We waited until we had our cones filled to the top with some delicious mint and chocolate chips ice cream and we laughed so loud, watching each other making a mess on our own clothes!!

Lately it’s been so hot around here that I decided I had to dust my vintage ice cream machine and make this refreshing, summery, silky and velvety dessert that I had eaten countless times during my childhood. My sister and I enjoyed it recalling some very pleasant memories!

The base is a simple custard,  you then pour everything in the ice cream maker and you let it make its own job. Don’t worry if you don’t have the machine! You can always put the custard in the freezer and stir once an hour to prevent ice crystals from forming. No matter which way you do it: remember to treat yourself to something really indulgent this summer!

For about 700 g of ice cream

500 ml whole milk

250 ml double cream

85 g caster sugar

5 medium egg yolks

100 ml mint syrup ( if you can’t find mint syrup, you’ll need to use 110 g caster sugar plus a few drops of mint extract and green food colouring, according to your taste)

100 g dark chocolate chips( at least 60-70 % cocoa solids)

20 g fresh mint leaves ( you can leave them out but they enhance the flavour of the final product)

1) Heat the cream, milk and mint leaves over a low heat until it almost boils then turn the stove off  and leave it aside for 15 minutes so that the mint can infuse. Strain the mixture and remove the leaves.

2) In a bowl, beat the egg yolks with the sugar  with a whisk until the mixture has thickened. Pour a quarter of the milk into the egg yolks and stir vigourosly. Then tranfer the egg mixture in the remaining milk and return the pan over a low heat and cook, stirring all the time until the custard has reached 85 °C ( or until it coats the back of a spoon).

3) Pour the custard into a heatproof bowl and sit it in a larger bowl full of iced water to cool completely. Stir in the mint syrup or the mint extract. Put the custard in the freezer for 1 hour until it gets really cold.

4) Pour the custard into your ice cream maker and leave it to churn for 30-40 minutes, according to your machine’s instructions.

5) Once ready, scoop the ice cream into a plastic container,  add the chocolate chips and cover with a lid. Freeze it for at least three hours before serving.

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on  social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

Continue Reading

Ghiaccioli allo yogurt e pesche

Caldo, ma quanto caldo fa? Quando arrivano queste giornate afose a luglio, si tende a mangiare meno e a prediligere cibi leggeri e freschi. Tanta frutta, tanta verdura…. tanti gelati, tanti ghiaccioli! Ed è proprio di quest’ultimo che parliamo oggi. Una fresca e golosa idea per dare refrigerio alle vostre calde giornate.

L’ idea per questi ghiaccioli me l’ha data Gemma Stafford, una blogger irlandese che vive negli Stati Uniti e che seguo molto spesso perché offre tantissimi spunti interessanti per dessert rinfrescanti e facili da realizzare. 

Questi ghiaccioli si preparano in soli 10 minuti e in più sono anche sani, non contengono zucchero o sciroppi artificiali ma solo deliziosa frutta fresca di stagione, frullata a dovere in un blender e poi basta solo assemblarli. Nulla è mai stato più semplice, vedrete! Ci vorrà più tempo per lasciarli congelare che a farli ma il risultato varrà l’attesa. Gustateli in giardino sotto la calura estiva oppure offriteli ad amici come fine pasto leggero al termine di una piacevole cena estiva e sentirete che delizia!

DPP_0010

 

Per 8 ghiaccioli yogurt e pesche

400 g pesche ( sbucciate ed al netto degli scarti)

170 g yogurt greco al naturale

90 g latte intero o panna fresca

2 cucchiai sciroppo d’agave o miele

1 cucchiaino di estratto di vaniglia (facoltativo)

Pelate le pesche e tagliatele a spicchi rimuovendo il nocciolo centrale. Mettete la frutta nella ciotola di un mixer o di un blender e azionate la macchina per alcuni minuti fino ad ottenere una bella purea densa ed omogenea ( non sarà necessario aggiungere zucchero alla frutta perché le pesche contengono già sufficiente fruttosio). Se volete, a questo punto, potete filtrare la purea in modo tale da ottenere un succo anche se io onestamente preferisco sentire i pezzetti di polpa.

In una piccola ciotola versate lo yogurt greco, il latte, lo sciroppo d’agave e la vaniglia e amalgamate bene il composto.

Componete il ghiacciolo alternando uno strato di pesche e uno di yogurt fino in cima allo stampo, inserite i bastoncini in legno e proseguite così con tutti gli altri ghiaccioli. Mettete gli stampi in freezer per almeno 5 ore o ancora meglio, per tutta la notte. Una volta congelati, vi consiglio di passare gli stampi sotto un getto di acqua calda, per pochi istanti, in modo da facilitare l’estrazione dei ghiaccioli. E voilà, il gioco è fatto!

DPP_0007

DPP_0008

DPP_0081

DPP_0009

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Peaches and yogurt popsicles

What’s better than a freezing cold popsicle on a hot summer day? What if you could make your own popsicle all by yourself at home? Well, thanks to this recipe your desire for frozen treats will be pleasantly fulfilled!

The procedure is really simple: you just need to combine a few ingredients together and pour everything into your molds and actually you’re done! In no time you’ll have a healthy, light and refined sugar-free snack!

I used peaches because they’re in season but you could actually use whatever kind of fruit you prefer; I think strawberries or even raspberries would nicely match the flavour of the yogurt! I thank Gemma Stafford for the recipe, (which I have slightly modified) who is a great source of inspiration for frozen desserts!

for 8 medium popsicles

400 g ripe peaches

170 g greek or regular yogurt

90 g whole milk

2 tbsp agave syrup or honey

1 tsp vanilla extract 

Peel and remove the core of the peaches and then blend them until they’re nicely puréed.

In a small bowl, measure out  the yogurt, agave syrup, milk and vanilla extract and mix them all together.

Fill your mold, alternating the peach purée and the yogurt mixture. You should be able to make 8 popsicles out of  these quantities. Put the wooden sticks in and freeze them for at least 5-6 hours or preferably overnight. Here you have it: in no time you’ll be able to make a delicious and healthy snack, perfect to cool down your hot summer evenings!

If you liked this recipe, don’t forget to leave a nice comment below and follow me on  social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

Continue Reading