Biscotti con avena, uvetta e mandorle [senza uova, senza burro]

Le giornate che si accorciano, il crepitio del fuoco nel caminetto acceso, la pioggia che batte incessante sulle serrande ed il vento che spazza via dagli alberi seminudi anche le ultime foglie; tutti segnali che l’autunno è decisamente arrivato. Il cambio delle stagioni mi conferma ogni anno quanto la natura possa essere meravigliosa e di quanto dovremmo sentirci grati di poter assistere a tale miracolo.

Per me il susseguirsi delle stagioni porta con sé una ordinaria ritualità che rende i miei gesti, i miei pensieri, le mie ricette ed il mio modo di vivere la cucina estremamente routinario. Mi piace rivivere dei momenti, delle sensazioni, semplicemente per il gusto di poter riassaporare dei ricordi e di crearne allo stesso tempo di nuovi. Mi piace poter rispolverare vecchie ricette, appuntate frettolosamente ai margini di qualche foglio sgualcito e cercare di immaginare che persona ero quando le ho scritte e come sono cambiata nel frattempo. Cosa era importante per me allora e cosa lo è adesso. Capita a volte che da vecchie annotazioni sorga un’idea, uno spunto che poi si rivela essere un punto di partenza per sperimentare qualcosa di nuovo. Perché creatività e curiosità sono le due costanti che cerco di mantenere sempre vive quando cucino.

A volte ho l’impressione di far fatica a mettere in fila le parole perché i miei pensieri corrono più veloci rispetto alla penna. Da introversa, cucinare mi aiuta ad esprimermi, a dar forma in maniera diversa a tutto ciò che mi frulla per la testa. 

 L’altro giorno ho trovato una di queste vecchie ricette fra gli scaffali e ho pensato di riadattarla agli ingredienti che avevo a disposizione in casa. Era da un po’ che pensavo di fare dei biscotti che sapessero d’autunno, che fossero croccanti, gustosi e pieni di cereali, come quelli delle pubblicità. Quei biscotti che sgranocchi volentieri di fronte ad un libro ed insieme ad una tazza di tea o un bicchiere di latte. Li ho realizzati con una farina semi integrale ed arricchiti con avena, uvetta e mandorle. Senza uova e senza burro per una volta, per soddisfare le esigenze anche di chi preferisce qualcosa di più leggero e salutare.

Si preparano in meno di un quarto d’ora e si cuociono altrettanto velocemente. In men che non si dica, ho rimpinguato il vaso mezzo vuoto dei biscotti che stava in dispensa, in attesa della merenda.

Qui sotto trovate anche la videoricetta con tutti i passaggi, così sarà impossibile sbagliare!

 


5 from 1 reviews
Biscotti con avena, uvetta e mandorle [senza uova, senza burro]
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Un biscotto rustico e fragrante, da inzuppare nel latte caldo o in una tazza di tea bollente la mattina a colazione.
Author:
Tipo di ricetta: Biscotti, Dolci da colazione
Dosaggio: Per circa 20 biscotti
Ingredienti
  • 140 g farina di tipo 1
  • 100 g zucchero di canna + ½ cucchiaino di cannella in polvere
  • 50 g uvetta
  • 60 g fiocchi d'avena
  • 80 g granella di mandorle tostate
  • 1 pizzico di sale
  • 80 ml olio d'oliva extra vergine
  • 50 ml rum chiaro
Procedimento
  1. Tostate le mandorle pelate in forno e tritatele finemente fino ad ottenere una granella.
  2. In una ciotola capiente riunite la farina, i fiocchi d'avena, l'uvetta, il sale, la granella di mandorle e lo zucchero alla cannella. Mescolate tutti gli ingredienti assieme per distribuirli.
  3. Formate una fontana al centro della ciotola e versateci l'olio e poi il rum. Cominciate a mescolare con un cucchiaio, poi proseguite impastando con le mani sino ad ottenere un palla compatta.
  4. Sigillate l'impasto con la pellicola per alimenti e riponetelo in frigorifero a riposare per mezz'ora.
  5. Stendete l'impasto fra due fogli di carta forno fino ad uno spessore di pochi millimetri e ricavate tanti biscotti con l'aiuto di un tagliabiscotti circolare. Se l'impasto dovesse dividersi un po', compattatelo con le mani.
  6. Adagiate tutti i biscotti su una placca da forno ed infornate in forno preriscaldato ventilato a 180°C per 10-12 minuti circa. I bordi dovranno risultare ben dorati. Aspettate che i biscotti siano completamente freddi prima di riporli in una scatola di latta e conservarli.

 

 

I biscotti con avena, uvetta e mandorle si conservano molto bene anche fino ad un paio di settimane, al riparo dall’umidità e chiusi in una scatola con chiusura ermetica.

 


 Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i social media, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto ed usa l’hashtag #cinnamonloverblog . Farai parte della mia gallery su Instagram! 

 

Continue Reading

Zucchine tonde ripiene di cous cous di farro alla mediterranea

Ho voluto salutare l’estate con un’ultima ricetta prima di lasciare il passo alla nuova stagione che sarà fatta di plaid morbidi, tazze di tea bollente, cremose vellutate di legumi e foglie colorate che seguono il turbinio del vento. 

Questa ricetta svuotafrigo è una bomba! L’ho provata l’altra sera e ho voluto scriverla subito per non rischiare di perderla o dimenticarmela. Un vero inno all’estate e alla filosofia dei piatti sani e leggeri! Diciamo che è la variante vegetariana e healthy delle classiche zucchine ripiene; io ho deciso di utilizzare un cous cous integrale di farro che è fonte di fibre e sali minerali e ci ho aggiunto le verdure che avevo a disposizione in casa. Una combinazione davvero gustosa e che non lascia spazio alle rinunce!

Veloce e facile da preparare, questa ricetta si presta ad essere un ottimo piatto unico, un antipasto elegante oppure un’idea originale e sfiziosa per servire un contorno di verdure a chi le verdure non le ama proprio. Le zucchine tonde poi, sembrano fatte apposta per essere farcite e volendo, potete variare il ripieno a seconda dei vostri gusti o della stagionalità degli ingredienti. La variante “mediterranea” delle zucchine ripiene non potrà che conquistare anche voi!

Ingredienti per 6 persone:

6 zucchine tonde

50 g parmigiano grattugiato

150 g cous cous integrale di farro

1/2 cipolla rossa di Tropea

1 carota

1 gambo di sedano

1 zucchina

1/2 peperone rosso

1/2 peperone giallo

qualche foglia di basilico fresco

200 ml brodo vegetale

sale, pepe, olio evo q.b.

 

1) Tritate finemente la cipolla, il sedano e la carota e fateli rosolare in padella con un filo d’olio. Aggiungetevi i piselli freschi, la zucchina tagliata a tocchetti e i peperoni tagliati a listarelle sottili. Sfumate le verdure con un mestolo di brodo vegetale, aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere a fiamma vivace per 10 minuti.

2) Preparate il cous cous: misurate 170 ml di acqua bollente e versateci dentro il cous cous, insieme ad una presa di sale e ad un cucchiaio d’olio. Coprite con un coperchio e lasciate rinvenire il cous cous per 5 minuti. Una volta pronto, sgranatelo con una forchetta.

3) Condite il cous cous con il sugo di verdure ed un filo d’olio evo. Guarnitelo con il basilico tritato finemente e mettetelo da parte.

4) Eliminate la calotta delle zucchine tonde e scavatene l’interno con un cucchiaio. Sbollentate le zucchine per 6-7 minuti in abbondante acqua bollente salata. Estraetele dall’acqua e fatele asciugare su un pezzo di carta assorbente. Foderate ciascuna zucchina con un cucchiaio colmo di parmigiano grattugiato e distribuitelo sul fondo. Disponete le zucchine su di una teglia e passatele in forno sotto il grill per altri 10 minuti.

5) Riempite ciascuna zucchina con il cous cous di farro alle verdure, terminate con una macinata di pepe in cima e decorate con una fogliolina di basilico fresco.

 


 

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog Sarei felice di vedere i vostri scatti!

Continue Reading

Galette integrale di mele e mirtilli

Avete presente quei pomeriggi nei weekend d’Autunno, quando l’unica cosa che si ha voglia di fare è rilassarsi in divano con una copertina e una tazza di cioccolata? Ecco, io metto da parte il divano e piuttosto accendo il forno. Sarà, ma per me non c’è fine settimana, senza un impasto morbido, una torta che cresce in forno o il profumo dei biscotti che aleggia per casa.  E non c’è profumo migliore per me di quello delle mele unite alla cannella!

Questa crostata è nata proprio in uno di questi momenti, dalla voglia di annusare il dolce nell’aria. Premetto che non sono vegana ma mi piace sperimentare ricette con ingredienti diversi dai soliti per tanto questa volta ho optato per una versione di galette più rustica e light. Infatti non contiene farine raffinate, zuccheri raffinati, latticini e nemmeno uova. Dato che preparo dolci molto spesso, ogni tanto la mia coscienza mi impone di limitare i grassi e di preparare qualcosa ad impatto calorico inferiore alla norma! 

Le dosi che vi do sono semplicemente una linea guida. In realtà potete scegliere anche farine di altri tipi, quinoa, grano saraceno, castagne e così via. Va bene anche la farina 00, se la preferite come gusto e non avete esigenze dettate dalla dieta. Anche il ripieno può essere variato, a seconda della frutta di stagione e dei vostri gusti. A parte queste piccole modifiche, questo rimane un dolce veloce, poco pretenzioso ma in grado di addolcire le giornate più uggiose di questo mese. Non ci resta dunque che accendere il forno!

dpp_0408

Per la brisée integrale vegan

125 g farina integrale

125 g farina di farro

125 g zucchero integrale di canna

60 g acqua

35 g olio di semi di mais

30 g olio d’oliva

1 cucchiaino scarso di lievito

 1 pz di sale

Per la farcia

3 mele renette

1 cucchiaio di zucchero di canna

mezzo cucchiaino di cannella in polvere

succo di mezzo limone

1 cucchiaino di amido di mais

80 g mirtilli freschi

1) Per la pasta brisée, unite in una ciotola le farine, il lievito ed il sale. In un’altro contenitore versate l’olio di semi, l’olio d’oliva, l’acqua e lo zucchero di canna ed emulsionate bene il tutto. Versate ora gli ingredienti liquidi in quelli secchi e amalgamate con le mani fino ad ottenere un impasto compatto. Coprite la pasta con pellicola trasparente e fatela riposare in frigorifero per un paio d’ore.

2) Nel frattempo pelate le mele e tagliatele a fettine sottili, trasferitele in una terrina. Bagnatele con il succo di limone e aggiungete lo zucchero di canna, l’amido di mais e la cannella in polvere. Unite anche i mirtilli e mescolate il tutto.

3) Stendete la pasta brisée piuttosto sottile, disponete il ripieno sulla pasta lasciando qualche cm di pasta esterna per creare i bordi e ripiegate i bordi verso il centro, “abbracciando” le mele. Infornate in forno caldo a 170°C per circa 30-40 minuti.

4) Servite la galette integrale di mele e mirtilli ancora tiepida. Con una tazza di tea a merenda oppure con una pallina di gelato alla vaniglia come dessert!

Questa crostata si conserva sotto una campana di vetro per 1- 2 giorni, non di più altrimenti la base si ammorbidirà troppo a causa dell’umidità rilasciata dalla frutta. In tal caso, vi consiglio di ripassarla in forno a 200°C per un quarto d’ora.

dpp_0399

dpp_0400dpp_0463

dpp_0401

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifai una delle mie ricette, scatta una foto e  taggami su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog. 


SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

APPLE Blueberry WHOLEmEAL GALETTE

dpp_0404

I love apples in cakes and pies! It’s not Autumn if you don’t have an apple pie cooling down on the counter. They simply add a lot of flavours to bakes and they give a nice moisture when added to a cake batter. They are definitely one of my favourite fruits when it comes to baking!

Last weekend I wanted to try something different, something new and I made a vegan galette. I’m not vegan myself but I do like experimenting and using different ingredients than the usuals. This time I made a galette which is completely refined flour-free, refined sugar-free and dairy-free. It contains a lot of fibers and it’s the fair compromise if you are on a diet but you don’t want to miss out on the dessert!

It’s Autumn so I went for an apple blueberry one which is a classic! Though, the recipe I’m giving you is very versatile: feel free to use any kind of flour you like or to modify the filling according to your taste and to the fruits in season. But now, let’s get baking!

Ingredients

125 g whole wheat flour

125 g spelt flour

125 g light muscovado sugar

60 g water

35 g vegetable oil

30 g olive oil

1 pinch of salt

1 tsp baking powder

For the filling

3-4 medium apples

1 tbsp cane sugar

juice of half a lemon

1 tsp corn starch

1/2 tsp cinnamon

80 g blueberries

1) In a bowl, add your flours, baking powder and salt. In a separate bowl whisk together the olive oil, water, vegetable oil and sugar. Now pour the liquid ingredients into the dry ingredients and stir everything together until it comes together. Form dough into a disk. Cover in cling wrap and pop it into the fridge for at least two hour.

2) Meanwhile prepare the filling. Peel and core the apples and cut them into thin slices. Combine apples, blueberries, sugar, cinnamon, corn starch and lemon juice and stir everything together.

3) Preheat the oven to 170°C. Roll out your pastry quite thinly, arrange the apple blueberry mixture on the dough leaving a few cm from the border. Gently fold the edges over the filling.

4) Bake it for 30-40 minutes or until the crust is slightly brown and crisp. Leave it to cool on a wire rack. Serve it still warm with a nice dollop of ice cream.

Store your galette under a glass bell for no more than a couple of days or the moisture in the fruit will make the bottom soggy.

I hope you enjoyed this recipe and if you did, don’t forget to leave a comment below and follow me on social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

If you decide to make one of my recipes, take a nice picture and tag me on Instagram with the hashtag #cinnamonloverblog . I’ll be delighted to see your bakes!

 

Continue Reading

Cous cous alle melanzane, olive taggiasche e menta

Un piatto fresco e leggero per l’estate? Quello che cercate è proprio qui davanti ai vostri occhi! Ho scoperto il cous cous solo di recente e me ne sono innamorata! Ottima alternativa alla solita insalata di riso o alla pasta fredda, il cous cous si presta benissimo ad essere preparato in anticipo e conservato fino al momento del servizio. Si prepara in pochi istanti e può essere arricchito da moltissime combinazioni di ingredienti.

Quella che vi propongo oggi però è nata dalla necessità di smaltire le innumerevoli quantità di melanzane biologiche che sta producendo l’orto in questo periodo! Ultimamente ne raccolgo davvero tante! Eh già! A forza di preparare parmigiane ed involtini però, mi son detta che era ora di sperimentare qualcosa di diverso! E almeno per questa volta… esperimento riuscito! 

Un piatto unico sano, vegetariano e vegano, ideale per chi non vuole rinunciare al piacere di un pasto fatto con le proprie mani, anche avendo poco tempo a disposizione !

DPP_0143

DPP_0064

DPP_0067

 

Per 4 persone

280 g cous cous

2 melanzane

2 cucchiai di capperi sott’olio

1 spicchio d’aglio

30 g di olive taggiasche denocciolate

olio evo e sale q.b.

qualche foglia di menta fresca

280 ml acqua bollente

1) Per cominciare, versate il cous cous nell’acqua insieme a un cucchiaino scarso di sale e un filo d’olio d’oliva e coprite con un coperchio per 5 minuti.

2) In una padella calda versate qualche cucchiaio d’olio e lo spicchio d’aglio schiacciato e lasciatelo soffriggere, senza però bruciarlo. Ora inserite le melanzane tagliate a cubetti e fate rosolare per bene, mescolando continuamente fino a quando saranno morbide e ben cotte. Aggiustate di sale le melanzane e unitevi anche i capperi e le olive taggiasche e fate saltare ancora qualche minuto. Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

3) Nel frattempo, sgranate il cous cous con una forchetta e trasferitelo nella padella e amalgamatelo bene con il condimento. Tritate finemente le foglie di menta e terminate cospargendovi il cous cous.

Perché proprio le olive taggiasche?

Originarie della zona ligure, precisamente della zona di Imperia, le olive taggiasche sono la varietà più conosciuta e rinomata al mondo, dalle quali viene estratto il pregiato olio ligure. Leggermente dolciastra, l’oliva taggiasca si sposa molto bene con il sapore amarognolo della melanzana e con la freschezza della menta.

DPP_0151 DPP_0105

DPP_0066

DPP_0149

 

Se questa ricetta ti è piaciuta e vorresti vederne delle altre allora iscriviti al mio website e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!


SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Couscous salad with eggplants, black olives and fresh mint

DPP_0066

I love salad and I love couscous, so I said to mself: -” Why not preparing something than combines both of them?”- Here’s where this recipe comes from! And I must say it was a huge success in my family!

The freshly homegrown produce this year is pretty generous, so I have to get rid of many organic vegetables that sit in my fridge as soon as possible. In this case, I used eggplants and eggplants work so well with olives and mint!

Couscous doesn’t even need to be cooked so this is an absolutely foolproof recipe that you’ll prepare in the blink of an eye! Healthy, vegetarian and vegan: the summer meal is served!

For 4 peoplE

280 g cous cous

2 medium eggplants

2 tbsp of preserved capers

1 clove of garlic

30 g black olives

extravirgin olive oil and salt

a few leaves of fresh mint

280 ml boiling water

1) Pour your lightly salted boiling water over your precooked couscous along with a tablespoon of olive oil, cover with a lid and let it swell for five minutes. Then fluff it up with a fork and set aside.

2) In the meantime, dice your eggplants with a large knife. Add the garlic to a hot frying pan along with a little splash of olive oil, then add your diced eggplants and keep stirring until they are nice and tender, occasionally adding a few spoonfuls of water. Once the eggplants are fully cooked through, turn the stove off. Season them with salt and pepper.

3) In a bowl add the coucous, the eggplants, some capers, the black olives and stir everything together, add a little splash of oil and sprinkle some finely chopped mint leaves on top.

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

Continue Reading

Granola croccante al cioccolato fondente e nocciole

La granola è un mix di cereali croccanti e frutta secca, molto diffuso in Gran Bretagna e molto simile al nostro muesli ed è perfetta da consumare a colazione o per una merenda sana ed equilibrata. L’avena è l’ingrediente principale, un cereale ricco di fibre, vitamine e utilissimo perché capace di ridurre il colesterolo cattivo. Le proprietà nutrizionali e dimagranti di questo alimento sono sorprendenti, diciamo pure che l’avena è una vera e propria iniezione di salute! Oggi vi propongo questa ricetta facile per trasformare questo cereale in una colazione super light e nutriente e allo stesso tempo golosa, perfetta per l’estate in arrivo e per chi vuole tenersi leggero senza rinunciare al gusto. Per arricchire la mia granola io ho utilizzato nocciole e cioccolato fondente, le possibilità però sono infinite.

Io la mangio accostandola a della buona frutta fresca come fragole e mirtilli e a dello yogurt fresco. E’ deliziosa affogata nel latte freddo ma è fantastica anche da sola a cucchiaiate. Perfetta al mattino a colazione, come spuntino leggero o semplicemente come snack veloce.

Ah già dimenticavo di dirvi che ho aggiunto anche la cannella, che conferisce un sapore delicato all’avena.  Tranquilli, se non vi piace potete ometterla. Ho fatto le mie ricerche però: pare che miele e cannella siano una combinazione dagli innumerevoli effetti benefici, insomma una vera e propria medicina naturale contro moltissimi malanni; tra l’altro contrasta l’invecchiamento cutaneo e aiuta la digestione. Tanto meglio, no!? Non vi resta che provarla!

 

Per un barattolo da circa 400 g di crunchy granola:

250 g fiocchi d’avena

2 cucchiai colmi di miele (millefiori, d’acacia, di castagno…)

1 cucchiaio d’acqua

50 ml olio di semi ( io solitamente utilizzo l’olio di semi di mais, ma altri oli di semi vanno bene ugualmente)

2 cucchiai di sciroppo d’agave o sciroppo d’acero

30 g zucchero di canna

1 pizzico di sale

1 cucchiaino di cannella in polvere

100 g mandorle non pelate

30 g semi di sesamo

50 g nocciole tostate

60 g gocce di cioccolato fondente al 70 % di cacao

 

Procedimento

1) In una ciotola versate i fiocchi d’avena, il sesamo, la cannella in polvere e le mandorle tritate grossolanamente a coltello. Mescolate bene.

2) In un pentolino versate il miele, lo zucchero, il sale, l’acqua, l’olio e lo sciroppo e ponete il tutto su fiamma medio-bassa per pochi minuti, mescolando continuamente. Quando il composto comincerà a sobbollire e comincerà a formarsi una schiuma sui bordi di colore ambrato, spegnete il fornello e versate lo sciroppo nella ciotola con i fiocchi d’avena. Mescolate accuratamente affinché il liquido copra interamente i cereali.

3) Trasferite la granola su di una teglia, rivestita con carta forno e distribuite il composto uniformemente su tutta la superficie, poi trasferite la placca nel forno preriscaldato in modalità ventilata a 160° per circa 40 minuti.

4) La vostra granola dovrà tostare e caramellare allo stesso tempo pertanto dovrete munirvi di pazienza e preoccuparvi di rigirare il composto con un cucchiaio ogni 10 minuti, onde evitare che la granola ai bordi bruci.

5) Trascorso il tempo necessario la granola avrà raggiunto un colore ben brunito, estraetela quindi dal forno e compattatela in un rettangolo, pressandola con un cucchiaio. Lasciatela raffreddare completamente e poi rompetela in grossi pezzi. Così facendo otterrete anche gli agglomerati di cereali che piacciono tanto.

6) A questo punto tagliate a metà le nocciole tostate e aggiungetele insieme alle gocce di cioccolato al vostro mix. La granola si conserva fino a 2 settimane in un contenitore ermetico al riparo dall’umidità ma dubito seriamente che una volta preparata, possa durare così a lungo nelle vostre dispense!

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla newsletter e seguimi tramite i canali social, cliccando direttamente in alto a destra nella home page per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità! Ti aspetto!

Se rifate una delle mie ricette, scattate una foto e  taggatemi su Instagram con l’hashtag #cinnamonloverblog . Sarei felice di vedere i vostri scatti!

 

Scroll down for ENGLISH VERSION

 

CRUNCHY HAZELNUTS AND DARK CHOCOLATE GRANOLA

Lately, one of my favourite breakfasts is homemade granola. It’s so good, so easy and quick to make, so light and tasty. It simply makes the perfect break or snack before the arrival of summer. I usually serve this with yoghurt and fresh fruits, such as berries or peaches, but you could have this with a good bowl of milk. You know what!? It’s delicious even just as it is! I have enriched mine with some hazelnuts and some chocolate chips ‘cause I love them but you could use raisins, dried fruits, any kind of nuts. Possibilities are endless!

The funny fact is that it’s even super healthy! Oats contain loads of fibers, vitamins and they help to reduce the bad cholesterol in your arteries. As a matter of fact oats are a real natural drug! Furthermore in this recipe you’ll find both honey and cinnamon which are a great combo: just in case you didn’t know, these two ingredients together can provide you with many benefits for your health.

Kick off your day with this hearty, crunchy, gluten free and vegan treat. You’ll not be disappointed!

For about 400 g of homemade granola

250 g porridge oats

2 tbsp runny honey

1 tbsp water

2 tbsp maple or agave syrup

50 ml vegetable oil ( whichever you prefer, but try to avoid olive oil because of its strong flavour)

30 g cane sugar or light brown sugar

1 pinch of salt

1 tsp cinnamon

50 g flaked almonds

50 g toasted hazelnuts

60 g dark chocolate chips

Method

1) In a large mixing bowl, pour your oats and almonds and mix it well.

2) Put a small saucepan on a low heat and  stir in the runny honey, salt, sugar, maple syrup, cinnamon, water and oil. Continue stirring until the sugar dissolves and it starts foaming on the sides. Then turn the heat off and pour the caramel into the cereals and combine everything together until the oats are nicely coated with the liquid.

3) Preheat the oven to 160°C/ 320°F and arrange your granola onto a baking tray, previously lined with some greaseproof paper. Spread it very well into the corners of your tray, then bake it for 40 minutes, stirring it every 10 minutes with a spoon to prevent it burns on the sides. Once it has evenly toasted, pull it out of the oven and press it in a rectangle, until it’s still hot. Let it cool down completely before breaking it into pieces.

4) At the end, add your chocolate chips or some coarsely chopped chocolate and your hazelnuts, cut in halves. Mix it once again, then fill up an airtight container. You can store this granola up to 2 weeks but I don’t think it will actually last that long!

If you liked this recipe, don’t forget to leave a comment below and follow me on my social media, by clicking in the upper right-end corner of my home page. See you there!

Continue Reading